Agnelli a Vinovo per mantenere la giusta rotta

0
361
Andrea Agnelli ©Claudio Villa/Getty Images

Dagli errori del passato si impara. E’ questa la frase che aleggia con più frequenza in quel di Vinovo, quartier generale della nuova Juve del generale Antonio Conte, il martello, come lui stesso ama definirsi.

Se è vero, dunque, che dagli errori del passato si impara, alla Juve, dalle ultime stagioni, hanno avuto tanto da apprendere, immagazzinando informazioni, e cercando di non ripetere gli stessi sbagli.

Ecco perchè, dopo la straripante vittoria dell’esordio contro il Parma, con tanto di poker di gol, tripudio del nuovo stadio tutto esaurito, elogi e complimenti, l’ imperativo è quello di mantenere un low profile, senza voli pindarici nè entusiasmi troppo facili.

Ecco perchè il presidente Andrea Agnelli ha scelto di essere vicino alla squadra nel primo giorno di allenamenti della settimana, salutando mister Conte ed i giocatori, oltre che l’intero staff tecnico, giungendo proprio sul campo principale dove la squadra era già impegnata nell’allenamento quotidiano, insieme al direttore generale Beppe Marotta ed al direttore sportivo Fabio Paratici. Una presenza che si fa sentire, e che – a differenza delle tante visite dello scorso anno alla Juve di Del Neri – non coincide con un momento di particolare difficoltà.

L’intera dirigenza al completo, dunque, per assisitere ad una seduta di lavoro molto intensa, in cui i ritmi sono stati potenziati approfittando dell’assenza di impegni infrasettimanali, con un’ ora di allunghi e scatti e con partitella finale sette contro sette a campo ridotto. Alla seconda parte della seduta, però, non ha partecipato il Capitano Alex Del Piero, che ha svolto lavoro differenziato e personalizzato su un campo adiacente, con esercizi di dribbling, scatti brevi e tiri in porta.

Assenti, invece, Vincenzo Iaquinta- che non ha ancora recuperato dall’ infortunio – ed Amauri, ormai separato in casa.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here