Aguero salva l’Argentina, 1-1 con la Bolivia

0
392
Sergio Kun Aguero

Nell’attesissima gara d’esordio della 43esima edizione della Coppa America del Girona A davanti al suo pubblico, l’Argentina stecca e delude in quella che doveva essere la prima pietra per la conquista del trofeo. La nazionale albiceleste impatta infatti a La Plata per 1-1 con la Bolivia salvata da un gol dell’oggetto del desiderio della Juventus Sergio Aguero ad un quarto d’ora dal termine del match.

© MIGUEL ROJO/AFP/Getty Images
Eppure le premesse per una buona prestazione c’erano tutte con un Messi in forma smagliante e con un attacco atomico capace di far rabbrividire qualsiasi avversario. Il ct Batista opta per un tridente composto dal Pallone d’Oro e stella del Barcellona affiancato dal napoletano Ezequiel Lavezzi e Carlos Tevez spedendo in panchina Aguero, Higuain, Milito e Di Maria. La Bolivia, al contrario delle aspettative, se la gioca e tiene bene nel primo tempo dove l’unica vera occasione da gol capita sui piedi di Cambiasso dopo una trattenuta goffa del portiere Arias. La ripresa si apre subito con una doccia gelata per gli oltre 50 mila tifosi di casa quando il boliviano naturalizzato Edivaldo si ricorda di essere brasiliano e con pregevole tacco sugli sviluppi di un corner beffa Romero, quest’ultimo ingannato dalla topica di Banega appostato sul primo palo che si fa passare la sfera tra le gambe. L’Argentina accusa il colpo e rischia di capitolare per la seconda volta quando Marcelo Martins s’invola indisturbato verso la porta avversaria ritrovandosi a tu per tu con Romero che prima con un grande intervento allunga la sfera all’attaccante boliviano mentre questi lo stava scartando e poi la blocca sulla seconda conclusione piuttosto centrale. Evitato il tracollo ci pensa il neo entrato Aguero a cambiare il volto alla partita e scacciare i fantasmi di una sconfitta che si stava materializzando con un destro bellissimo al volo su sponda di Burdisso ed è sempre il Kun a rendersi pericoloso costringendo l’estremo difensore boliviano Arias a superarsi nei minuti finali di gara. Con questo pari l’Argentina dovrà fare risultato pieno nel prossimo impegno del 6 luglio contro la Colombia se non vuole ritrovarsi con l’acqua alla gola e subire già una clamorosa eliminazione anticipata del torneo continentale. E c’è da scommetterci che Batista cambierà sicuramente qualcosa nell’undici titolare che mercoledì affronterà i Cafeteros. HIGHLIGHTS E GALLERY

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here