AIA: è Nicchi l’erede di Gussoni

0
260

L’ex arbitro aretino è il nuovo presidente

ANSA) – ROMA, 6 MAR –   Marcello Nicchi e’ il nuovo presidente dell’Associazione italiana Arbitri. L’ex arbitro di Arezzo ha ottenuto 163 preferenze. Lo ha eletto l’assemblea dei direttori di gara, riunitasi in un albergo di Fiumicino. Nicchi succede a Cesare Gussoni, chiamato alla guida dell’Aia il 25 novembre 2006, dopo lo scandalo di Calciopoli.

Chi è Marcello Nicchi: Debuttò in serie A nel 1988 per decisione del dirigente arbitrale Cesare Gussoni, e nel 1993 venne indicato come arbitro internazionale dall’allora designatore Paolo Casarin. A livello internazionale, svolse le funzioni di IV° ufficiale di gara nella finalissima degli europei di calcio 1996 Germania-Repubblica Ceca, arbitrata da Pierluigi Pairetto allo stadio Wembley di Londra.
Mise termine alla carriera sui campi nel 1997 per scelta tecnica dei suoi superiori, dopo gli errori commessi durante il campionato di serie A 1996/1997, tormentata anche da un’operazione al menisco che lo tenne fermo per qualche tempo: in particolare, nella partita Vicenza-Bologna espulse lo svedese Kenneth Andersson che aveva semplicemente chiesto di essere sostituito dal proprio allenatore; mentre in Perugia-Napoli convalidò un gol segnato nettamente con una mano dal croato Milan Rapaic. Ma Nicchi fu protagonista di episodi controversi anche tempo prima quando, nel 1995 durante un Sampdoria-Inter, espulse per le veementi proteste il blucerchiato Roberto Mancini, che venne poi squalificato per 6 giornate. fonte:wikipedia

Articolo precedenteAmauri-Italia verso il si
Articolo successivoLe imprese di Panatta verranno raccontate in un film
Malato di sport e sopratutto di calcio. Mi piace curare le rubriche sui settori giovanili e presentare aspiranti campioni. Ho allevato e curato Il Pallonaro con tanta dedizione e passione e aver riscontri positivi mi riempe di gioia. La nostra è una grande famiglia affiatata, chi entra a farne parte difficilmente poi non sa farne a meno.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO