Borriello riprende il Catania ma il Milan saluta lo scudetto

0
363

Il Catania spaventa San Siro con un primo tempo straordinario e un Maxi Lopez che ancora una volta dimostra di esser un attaccante di razza. Gli etnei caricati a molla da Sinisa Mihajlovic mettono subito alle strette i rossoneri evidenziando ormai le note lacune difensive della retroguardia di Leonardo.

Maxi Lopez finalizza al meglio una straordinaria azione dei siciliani e lo stesso argentino serve a Ricchiuti l’assist per il due a zero che chiude il primo tempo. Nell’intervallo Leonardo striglia i suoi usufruendo di tutti i 15′ minuto di pausa e nella ripresa il Milan è un altra squadra. Borriello riduce subito le distanze concludendo un bello scambio tra Pirlo e Seedorf, il Milan pressa ma ANdujar è un avversario insuperabile e su assist di Abate è ancora Borriello a trovare il pari.

Nel finale l’arrembaggio rossonero non regala il terzo gol e per il Catania ancora MAxi Lopez a sfiorare la beffa. Un punto che sa di resa per i rossoneri e che permette al Catania di confermare la fama di ammazza grandi.

IL TABELLINO

MILAN-CATANIA 2-2
Milan (4-2-3-1)
: Dida; Abate, Thiago Silva, Favalli (18′ st Flamini), Antonini; Ambrosini, Pirlo; Huntelaar (30′ st F.Inzaghi), Seedorf (30′ st Mancini), Ronaldinho; Borriello. A disp.: Roma, Zambrotta, Kaladze, Gattuso, Mancini, F.Inzaghi. All.: Leonardo
Catania (4-3-3): Andujar; Alvarez, Spolli, Terlizzi, Capuano; Ricchiuti (27′ st Delvecchio), Biagianti, Carboni (16′ st Ledesma); Izco, Maxi Lopez, Mascara. A disp.: Campagnolo, Potenza, Bellusci, Morimoto, Russo. All.: Mihajlovic.
Arbitro: Orsato
Marcatori: 12′ pt Lopez (C); 43′ pt Ricchiuti (C); 2′ st Borriello (M); 35′ st Borriello (M)
Ammoniti: Ambrosini (M), Mascara (C), Carboni (C), Pirlo (M), Alvarez (C), Borriello (M)

Articolo precedenteSuperbike, GP Valencia: Haslam trionfa in gara 1
Articolo successivoParigi Roubaix: trionfa Cancellara
Malato di sport e sopratutto di calcio. Mi piace curare le rubriche sui settori giovanili e presentare aspiranti campioni. Ho allevato e curato Il Pallonaro con tanta dedizione e passione e aver riscontri positivi mi riempe di gioia. La nostra è una grande famiglia affiatata, chi entra a farne parte difficilmente poi non sa farne a meno.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO