Campionato Primavera: Il Palermo è campione d’Italia

0
547

I siciliani si aggiudicano il Trofeo Giacinto Facchetti per la prima volta nella storia

abel-mathias-hernandezGli uomini di Pergolizzi grazie ad un gol del bomber Hernandez nel finale superano il Siena vincendo il Trofeo Giacinto Facchetti, la partita inizia al piccolo trotto, per la prima conclusione degna di nota ci vuol il 30′ con un bel destro di Corsino deviato da Ivanov sul fondo; replica senese affidata a Giannetti che al 38′ su calcio da fermo impegna Ingrassia. Primo tempo si conclude senza ulteriori sussulti ma la ripresa si apre con le due squadre piu propositive i due bomber Hernandez e Larrondo cercano la via della rete ma con poca fortuna. Le occasioni si susseguono sui due fronti ma la partita non riesce a sbloccarsi. Al 73° occasione d’oro per i bianconeri con Bigeschi che con una conclusione dal limite dell’aria colpisce la traversa; quando la partita sembra avviarsi verso i supplementari  Hernadez trova il jolly su un passaggio in profondità di Corsino, Pitaresi supera Ivanov in uscita e mette in mezzo trovando libero Hernandez che in scivolata insacca. Il Palermo si aggiudica la 47° edizione del campionato primavera prendendo il posto della Sampdoria vittoriosa la scorsa stagione.

Il Tabellino
PALERMO-SIENA 1-0 (44′ st Hernandez)
Palermo (3-4-1-2): Ingrassia; Adamo, Cossentino (17′ st Costantino), Romeo; Corsino, Temperino, Davi, Mazzotta; Conti (34′ st Pitarresi); Hernandez, Misuraca. All. Pergolizzi (A disposizione: Polizzi, Cappelletti, Pellegrini, Siragusa, Maltese)
Siena (4-1-4-1): Ivanov; Capogrosso, Malquori, Castaldo, Crociani; Romano; Bigeschi, Re (46′ st Arroe), Buchel, Giannetti; Larrondo. All. Baroni (A disposizione: Gori, Checchi, Mannini, Del Colle, Mugelli, Spada)
Arbitro: Massa di Imperia
Ammoniti: Buchel (S), Corsino (P)

ALBO D’ORO
8 Torino
6 Roma e Inter
4 Juventus e Lazio
3 Fiorentina
2 Cesena, Perugia, Atalanta e Lecce
1 Milan, Brescia, Napoli, Udinese, Empoli, Bari, Sampdoria e Palermo

Articolo precedenteE’ la notte dell’addio
Articolo successivoD’Agostino-Juve fumata grigia
Malato di sport e sopratutto di calcio. Mi piace curare le rubriche sui settori giovanili e presentare aspiranti campioni. Ho allevato e curato Il Pallonaro con tanta dedizione e passione e aver riscontri positivi mi riempe di gioia. La nostra è una grande famiglia affiatata, chi entra a farne parte difficilmente poi non sa farne a meno.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO