Champions League: Fiorentina – Debrecen 5-2. Le interviste post partita

0
348

Prandelli: Ci stavamo complicando la serata, dopo essere partiti bene. Negli ultimi 15′ del primo tempo abbiamo rallentato e non va bene. Era giusto ripratire forte nella ripresa. Gli infortuni? Mutu ha il solito problema al ginocchio, Gamberini qualcosa più di una contrattura mentre Zanetti ha preso una brutta botta. Gli esterni? Stanno facendo molto bene, allungando bene la squadra e con i giusti tempi. Quando poi i centrocampisti trovano i movimenti giusti loro hanno la possibilità di attaccare la profondità e quindi diventano pericolosi. Le disattenzioni difensive vanno evitate. Siamo un po’ incontentabili ma è giusto tenere sempre alta la tensione. Stiamo trovando grande consapevolezza grazie ad un lavoro importante. Soprattutto riusciamo a tenere più alta la difesa, accettando il rischio. Siamo migliorati moltissimo nel possesso palla, accorciando bene i reparti e dando possibilità agli esterni di trovare grande qualità”

Montolivo: l merito è di tutta la squadra che ha iniziato il secondo tempo con una cattiveria impressionante. Il goal in apertura ci ha fatto adagiare ma noi volevamo la vittoria a tutti i costi e abbiamo tirato fuori la voglia giusta. La consapevolezza? Nasce dalla gara con il Liverpool ma anche dall’esperienza dello scorso anno. Lo scetticismo c’è sempre a Firenze ma io era da questa estate che dicevo che siamo più forti dello scorso anno. Questo inizio di stagione ha convinto tutti”

Vargas: “Siamo contenti per aver vinto oggi in casa, dobbiamo mantenere la calma ed andare avanti cosi umili e dobbiamo giocarcela fino alla fine. Adesso pensiamo al Campionato poi con il Lione dovremmo essere tranquilli e continuare cosi.”

L’allenatore del Debrecen András Herczeg:
Congratulazione alla fiorentina che ha giocata da vera squadra di rango europeo, purtroppo in seguito all’infortunio del nostro centrocampista i nostri piani sono andati a monte e le cose per noi si sono complicate comunque sia ha avuto successo il gioco dell’uno due tra le nostre punte e sicuramente il secondo goal che abbiamo subito è stato un nostro errore grave, non è mai facile tenere sotto controllo giocatori come Gilardino e Mutu, non è mai facile limitare giocatori di questo calibro. Abbiamo fatto il possibile per dare il meglio di noi ma contro la Fiorentina il nostro sforzo è stato vano. Comunque vogliamo sottolineare il fatto che i viola hanno giocato in modo corretto onorando l’impegno fino alla fine. Grazie della possibilità che abbiamo avuto qui e ringraziamo la correttezza dei giocatori gigliati. Vorrei ringraziare i nostri tifosi che ci hanno seguito fino a qui e nonostante il risultato voglio dire che la nostra squadra ha cercato di onorare al meglio l’incontro”

Articolo precedenteChampions League: Dinamo Kiev – Inter 1-2. Le interviste
Articolo successivoChampions League: highlights Dinamo Kiev – Inter 1-2. [video]
Malato di sport e sopratutto di calcio. Mi piace curare le rubriche sui settori giovanili e presentare aspiranti campioni. Ho allevato e curato Il Pallonaro con tanta dedizione e passione e aver riscontri positivi mi riempe di gioia. La nostra è una grande famiglia affiatata, chi entra a farne parte difficilmente poi non sa farne a meno.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO