Chievo-Palermo, un pari che non serve a nessuno

0
854
Formica esulta dopo il gol del momentaneo vantaggio © Tullio M. Puglia/Getty Images

Ne vinti ne vincitori nell’anticipo delle ore 18 della 25esima giornata di Serie A tra Chievo-Palermo. Un pareggio che non serve ai siciliani e che permette invece ai veneti di mantenere una certa distanza dalla zona retrocessione (in attesa delle sfide odierne). Per Malesani secondo pari consecutivo, dopo quello rimediato tra le mura amiche contro il Pescara, tutti scontri salvezza che non riescono a dare una scossa all’ambiente rosanero. Per i clivensi invece nessuna tensione, in un match tutto sommato equilibrato che ha visto protagonista il pubblico del Bentegodi per i continui fischi rivolti all’ex di turno, quel Stefano Sorrentino andato via a gennaio in pessimi rapporti con dirigenza e tifo veronese. I siciliani, in attesa della sfida di lunedì del Siena contro la Lazio si ritrovano al 19esimo posto.

La partita – Gara equilibrate tra due squadre che hanno preferito metterla più sull’agonismo che sul gioco, anche a causa di un campo da gioco non in brillantissime condizioni. Parte bene il Palermo con la rete di Formica, la prima da quando veste la maglia rosanera. L’argentino è bravissimo a infilare Puggioni con un perfetto tiro ad incrocio sul secondo palo. I siciliani provano a controllare la partita, senza rendersi troppo pericolosi dalle parti del portiere veronese. Il Chievo non fa meglio, tanto da lasciare inoperoso Sorrentino per i primi quarantacinque minuti di gioco.

Formica esulta dopo il gol del momentaneo vantaggio © Tullio M. Puglia/Getty Images
Formica esulta dopo il gol del momentaneo vantaggio © Tullio M. Puglia/Getty Images

Nel secondo tempo arriva la doccia fredda per gli ospiti con il rigore giustamente concesso dall’arbitro Tagliavento per un fallo di mano di Garcia in area di rigore siciliana. Dal dischetto il francese Thereau non sbaglia e spiazza il fischiatissimo Sorrentino che prova ad ingannare il suo ex compagno di squadra con qualche passetto sulla linea di porta. La gara scorre via sull’1-1, punteggio che può essere apprezzato dai padroni di casa, mentre per gli ospiti il cammino verso la salvezza è sempre più difficile, viste le difficoltà a ritrovare una vittoria che ormai manca da troppo tempo.

PAGELLE CHIEVO-PALERMO
Formica 7: Si presenta alla sua nuova squadra con un bellissimo gol. Offre tanto movimento e buone giocate tecniche, sostituisce Miccoli, alle prese con un’influenza che non vuole lasciargli pace.
Garcia 5: Gara buona sia in fase di contenimento che in quella di spinta. Peccato che rovini la sua prestazione con il fallo di mano che permette al Chievo di trovare il pareggio. Gli hanno mai insegnato di tenere le mani dietro il corpo?
Acerbi 5.5: Appena una settimana fa dichiarava di aver sentito il peso della maglia del Milan in questi primi sei mesi di stagione e di sentirsi più tranquillo adesso a Verona. Probabilmente oggi in parte è rimasto a Milano, non perfetto contro un Boselli molto attivo e voglioso di sacrificarsi per la squadra.
Thereau 6.5: Seppur di rigore, la sua zampata c’è sempre. Pochi gol stagionali, tanti assist e tanti movimenti giusti. Il francese crea spazi, si sacrifica, segna. Corini lo sa e lo schiera sempre titolare.

TABELLINO CHIEVO-PALERMO
Chievo (3-5-2): Puggioni 6; Andreolli 6, Dainelli 6, Acerbi 5.5; Frey 5.5, Guana 6, Hetemaj 6 (46′ Pellissier 6), Cofie 6, Jokic 5.5; Paloschi 6 (67′ Luciano 5.5), Thereau 6 (77′ Spyropoulos sv). Allenatore: Corini 6
Palermo (4-3-2-1): Sorrentino 6.5; Morganella sv (8′ Nelson 6.5), Munoz 6, Aronica 6, Garcia 5; Barreto 6, Arevalo Rios 6, Kurtic 5.5; Formica 7 (57′ Von Bergen 6), Fabbrini 6.5; Boselli 6.5 (80′ Miccoli sv). Allenatore: Malesani 6

I due gol del match

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here