Euro Under 21: Casiraghi chiede a Balotelli il gol per la finale

0
450

pierluigi casiraghiQuesta sera alle ore 20:45 gli azzurrini di Pierluigi Casiraghi affronteranno la Germania nella semifinale degli Europei in Svezia. Il ct azzurro dovrà far a meno di due elementi importanti come lo squalificato Marchisio e l’infortunato De Ceglie ma recupera Balotelli dopo aver scontato la squalifica. Le speranze azzurre cadono proprio sulla voglia di farsi perdonare dell’interista che Casiraghi riproporrà sulla sinistra del tridente composto da Giovinco e Acquafresca. Difesa confermata in toto dopo la bella prestazione contro la Bielorussia è a centrocampo che Casiraghi ha dei dubbi alla fine dovrebbero giocare Dessena e Candreva con Abate pronto a subentrare dalla panchina. La multinazionale tedesca sono al gran completo e fanno paura per il loro mix di classe e disciplina tattica. Il tecnico tedesco Hrubesch si affida all’estro di Ozil e Boateng a supporto delle due punte Marin e Dejagah.
Intanto alle 18 scenderanno in campo nell’altra semifinale i padroni di casa della Svezia e l’Inghilterra, gli anglosassoni sembrano superiori ma l’entusiasmo di poter giocare davanti al proprio pubblico rende la partita incerta e vibrante.

Probabili Formazioni:
ITALIA (4-3-3) – 1 Consigli, 2 Motta, 3 Andreolli, 15 Bocchetti, 4 Criscito, 23 Dessena, 21 Cigarini, 16 Candreva, 20 Balotelli, 9 Acquafresca, 10 Giovinco.
Panchina: 12 Sirigu, 22 Seculin, 6 Marzoratti, 13 Ranocchia, 14 Pisano, 5 Morosini, 17 Poli, 18 Cerci, 7 Abate, 19 Paloschi).
CT: Casiraghi.

GERMANIA (4-4-2) – 1 Neuer, 2 Beck, 21 Schmelzer, 4 Howedes, 6 Aogo, 8 Khedira, 20 Castro, 5 Boateng, 10 Ozil, 11 Marin, 9 Dejagah.
Panchina: 12 Fromlowitz, 23 Sippel, 3 Boenisch, 14 Johnson, 15 Hummels, 16 Schwaab, 7 Ebert, 17 Grote, 18 Adlung, 19 Ben-Hatira, 13 Wagner, 22 Ede.
CT: Hrubesch.
ARBITRO:Proenca (Portogallo)
STADIO:Olympia Stadium Helsingborg ore 20:45

Articolo precedenteDraft NBA 2009: Blake Griffin prima scelta assoluta, niente chiamata per l’italiano Daniel Hackett
Articolo successivoD’Agostino sbotta: “Juve o niente ritiro”
Malato di sport e sopratutto di calcio. Mi piace curare le rubriche sui settori giovanili e presentare aspiranti campioni. Ho allevato e curato Il Pallonaro con tanta dedizione e passione e aver riscontri positivi mi riempe di gioia. La nostra è una grande famiglia affiatata, chi entra a farne parte difficilmente poi non sa farne a meno.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO