Europa League, Lazio brusco stop ad Istanbul

0
1022
Antonio Candreva in Lazio - Fenerbahce | © BULENT KILIC/AFP/Getty Images)

La Lazio ha visto interrompere bruscamente la sua imbattibilità stagionale in Europa League nella trasferta di Istanbul, tramortita dal Fenerbahce e dal tifo incessante nel catino del Sukru Saracoglu. In verità la squadra di Petkovic ha pagato in termini di risultato oltre i suoi reali demeriti, perdendo il controllo della partita dopo l’ingenua, ma probabilmente giusta espulsione del nigeriano Onazi, reo di un doppio fallo di ammonizione effettivamente evitabile. I turchi hanno poi approfittato della superiorità numerica per infliggere nel finale un brusco doppio colpo alla formazione capitolina. Il passivo di 2-0 rischia in qualche modo di risultare pesante in vista del retour-match dell’Olimpico, che peraltro si disputerà a porte chiuse per la nota squalifica comminata alla UEFA alla società romana per cori razzisti.

Oltretutto la Lazio ha anche da recriminare sul modo in cui sono giunti i due gol dei turchi. Il primo arrivato su un calcio di rigore decretato dallo scozzese Collum per un fallo di mano apparso ai più involontario di Radu, con relativa trasformazione impeccabile del camerunense Webò. Mentre il raddoppio è giunto allo scadere ad opera dell’olandese Kuyt, abile a ribadire in rete una difettosa e corta respinta di Marchetti su punizione di Caner. Il Fenerbahce ha risolto la contesa, approfittando come era logico che fosse della superiorità numerica, anche se prima del vantaggio sia Sow che Raul Meireles avevano colpito i legni della porta dei romani.

Antonio Candreva in Lazio - Fenerbahce | © BULENT KILIC/AFP/Getty Images)
Antonio Candreva in Lazio – Fenerbahce | © BULENT KILIC/AFP/Getty Images)

Petkovic rimane, comunque, fiducioso per la gara di ritorno a Roma. Il punteggio in effetti condanna la Lazio oltre quelli che sono i reali valori espressi in campo. Il pubblico del Sukru Saracoglu con il suo tifo incessante ed assordante ha fatto lievitare senza dubbio lo stesso valore della squadra di Aykut Kocaman, peraltro e comunque rinforzatasi con calciatori di indubbio spessore. Anche se nel suo ruolino di marcia europeo il Fenerbahce riesce a registrare anche in trasferta un rendimento di assoluta importanza. La gara dell’Olimpico senza l’apporto del pubblico rimane in ogni caso un’incognita.

Del resto in tutte le gare dell’andata dei quarti di finale si è registrato un netto predominio del fattore campo. Il Chelsea ed il Benfica hanno battuto con il medesimo punteggio di 3-1 rispettivamente il Rubin Kazan ed il Newcastle, mentre il Tottenham Hotspur ha faticato enormemente per rincorrere e pareggiare a domicilio per 2-2 contro il Basilea.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here