Gasperini “Sneijder un ottimo problema”

0
418
Gian Piero Gasperini ©Giuseppe Bellini/Getty Images

Nessuno più di lui aspetta con ansia il campo. Gian Piero Gasperini vive oramai da due mesi con l’esigenza di dover dimostrare che le sue idee di gioco sono valide e giustre per questa Inter. La difesa a tre e la posizione di Wesley Sneijder sono i due più grandi interrogativi che assillano il popolo nerazzurro e Gasperini dovrà sin da subito di aver lavorato bene durante la preparazione facendo ricredere gli scettici e sopratutto trovando una giusta collocazione per l’olandese. Ieri, nella conferenza stampa di vigilia, l’ex tecnico del Genoa non poteva non aprire l’argomento Sneijder definendolo adesso attaccante e quindi in lizza per una delle tre maglie d’attacco e non più annoverato tra i centrocampisti.

“Sneijder può trovare valutazioni anche migliori rispetto alla stagione scorsa magari giocando in posizione più decentrato o nella stessa. Ma Wesley è un problema nostro, un ottimo problema, quando giocherà ha le potenzialità importanti, ma non è il giocatore irrinunciabile per l’Inter, questa squadra per fortuna ha tante risorse con un gruppo solidissimo che è il vero leader di questa squadra per cui Sneijder è un elemento in più, ma non è che Milito, Pazzini o Forlan, ma così come Ranocchia, Samuel o Lucio non sono nessuno, questi sono grandi giocatori e il gruppo è solido e completo in tutta la sua rosa”

Gian Piero Gasperini ©Giuseppe Bellini/Getty Images
L’olandese questa sera a Palermo dovrebbe partire dalla panchina, un pò per riposo dopo il doppio impegno con la nazionale ma sopratutto perchè la sua prima partita in campionato Gasperini la vuol giocare con il 3-4-3 classico con un tridente vero. Infortuni e affaticamenti poi non danno una mano al Gasp che dovrà fare i salti mortali in difesa chiedendo forse un nuovo sacrificio a capitan Zanetti riproposto questa volta nel ruolo di difensore puro con Lucio e Samuel. Centrocampo scontato con Stankovic e Zanetti sugli esterni giocheranno Nagatomo a sinistra e il brasiliano Jonathan. In avanti Milito sarà preferito a Pazzini con Zarate e Forlan ai lati. Gasp dimostra coraggio spedendo in panchina due pezzi pregiati dell’organico nerazzurro con Pazzinioltretutto in grande spolvero dopo il gol in Nazionale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here