Giochi del Mediterraneo 2009: l’Under 20 di Rocca stecca all’esordio

0
507

Giochi del Mediterraneo 2009Tradisce le attese di un numero pubblico l’Italia Under 20 di Francesco Rocca, gli azzurrini contro la Siria non vanno oltre l’1-1. Il primo tempo è di completamente in mano agli azzurri che vanno ripetutamente vicini al gol e trovano il meritato vantaggio con Sciacca, il centrocampista del Catania è abile a superare di testa l’ottimo portiere siriano Ahmmad. Il primo tempo si conclude con l’Italia in vantaggio e tra gli applausi del pubblico avezzanese, ma nella ripresa è tutta un altra storia: a fare la partita adesso è la Siria, gli azzurrini hanno perso di brillantezza e sono sempre costretti a rincorrere la palla, il dominio siriano si concretizza su rigore al 73′, per fallo di mano Calderoni, Shahin trasforma superando il portierone azzurro Fiorillo. Le parole del ct Rocca a fine gara mostrano un pò di delusione: “Siamo stati troppo discontinui, nel secondo tempo abbiamo interpretato male la gara anche se i nostri avversari hanno avuto solo la palla gol poi concretizzata dal dischetto. Noi abbiamo prodotto tanto ma il loro portiere è stato molto bravo. Adesso ci giocheremo la qualificazione contro la Grecia. Noi siamo pronti e vogliamo migliorare. Il pubblico di Avezzano? Molto caldo, ci hanno riservato un’ottima accoglienza”. Nelle partite degli altri gironi la Francia si impone per due a zero sulla Turchia, pirotecnico due a due tra Spagna e Tunisia mentre si conclude sullo zero a zero Libia-Montenegro.

La Classifica dopo la prima giornata:
GIRONE A: Italia e Siria 1, Grecia 0
GIRONE B: Francia 3, Malta e Turchia 0
GIRONE C: Libia e Montenegro 1, Marocco 0
GIRONE D: Spagna e Tunisia 1, Albania 0

Il programma Completo
[da pescara2009.it]

Articolo precedenteConfederations Cup: Dani Alves regala la finale al Brasile ma che fatica
Articolo successivoEliseu l’ennesima scommessa di Lotito aspettando Pavel Nedved
Malato di sport e sopratutto di calcio. Mi piace curare le rubriche sui settori giovanili e presentare aspiranti campioni. Ho allevato e curato Il Pallonaro con tanta dedizione e passione e aver riscontri positivi mi riempe di gioia. La nostra è una grande famiglia affiatata, chi entra a farne parte difficilmente poi non sa farne a meno.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO