Giovanni Malagò eletto nuovo presidente del Coni

0
1128
Coni elimina tessere gratis ai parlamentari | immagini dal web

Un’elezione a sorpresa per la presidenza del Coni del dopo Gianni Petrucci, almeno a giudicare dalle previsioni della “vigilia” che davano per grande favorito Raffaele Pagnozzi, uomo di fiducia per oltre vent’anni del presidente uscente e segretario generale del Coni. Invece, a spuntarla è stato Giovanni Malagò, 53 anni, imprenditore romano conosciuto per la sua vita mondana e per le sue frequentazioni alto-borghesi al punto tale da guadagnarsi qualche anno fa il soprannome di “Megalò” da parte di Susanna Agnelli, e già presidente del circolo canottieri Aniene e del Comitato organizzatore per i Mondiali di Nuoto di Roma 2009, oltre grande tifoso della Roma ed ex giocatore agonista di calcio a cinque. Il voto gli ha dato ragione con un 40 preferenze contro 35 ancor più inaspettato dopo i discorsi dei due candidati, considerando che l’intervento pre-voto di Pagnozzi era risultato assai più applaudito di quello di Malagò lasciando intendere che avrebbe avuto maggiori consensi; invece, non è stato così ed i 76 “grandi elettori” dello sport italiano hanno preferito lui. Quali le ragioni di un cambio così inatteso e, secondo molti, radicale? La risposta più “gettonata” in tal senso sembra essere quella di una necessaria svolta nel panorama sportivo italiano, una non più rimandabile “scossa per lo sport del nostro Paese”. 

Giovanni Malagò eletto nuovo presidente del Coni | immagini dal web
Giovanni Malagò eletto nuovo presidente del Coni | immagini dal web

Giovanni Malagò e la sua “squadra” avranno, dunque, questo compito senz’altro arduo ma tra i suoi supporters c’è chi mostra ampia fiducia nelle sue capacità di attuare questo cambiamento. In primis, Vittoria e Ludovica, le due figlie gemelle nate dalla relazione con l’attrice Lucrezia Lante Della Rovere, che sono giunte a Roma da Los Angeles per appoggiare il padre, e proprio a loro Giovanni Malagò ha rivolto il primo abbraccio dopo la notizia della vittoria a sorpresa che lo ha proclamato neo presidente del Coni. Subito dopo, in maniera sportiva (ed era proprio il caso di esserlo considerando la carica ricevuta, ndr) Giovanni Malagò ha rivolto un pensiero allo “sconfitto”, affermando che “è facile vincere ma è più difficile mettersi nei panni di chi non vince. Da sportivo ed in assoluta sincerità voglio fare un abbraccio a Lello (Raffale Pagnozzi, ndr)“.

Quali i suoi propositi da neo numero uno del Coni? “Farò di tutto per onorare quella che per me è la più importante carica del Paese e non solo di questo Paese”. In attesa di conoscere in maniera specifica in che modo declinerà questo intento innovatore, le reazioni che sono giunte alla sua elezione sono contrastanti. In tal senso, se lo sconfitto Raffaele Pagnozzi ha mostrato grande fair play, congratulandosi e rivolgendo un in bocca al lupo al vincitore, il presidente uscente Gianni Petrucci non ha nascosto il suo disappunto sottolineando come “Pagnozzi resta il più grande di tutti”, precisando come per lui “questa è stata una sconfitta nonostante non fossi io il candidato”. 

Entusiaste, invece, due delle più grandi atlete olimpiche dello sport italiano come la canoista Josefa Idem e la velista Alessandra Sensini che sottolineano all’unisono come “Malagò sia la persona giusta per il cambiamento, con un segnale di discontinuità rispetto al passato”. 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here