Giovinco niente sconti al suo Parma: “Voglio vincere”

0
487
Giovinco non fa sconti al "suo" Parma | © GIUSEPPE CACACE/AFP/Getty Images

Con la maglia del Parma Sebastian Giovinco si è affermato nel calcio dei grandi, adoperando la via Emilia come luogo per crescere e maturare, lontano dalle pressioni juventine: il suo sogno, però, anche ai tempi dei copiosi gol parmensi era quello di tornare alla Juventus dalla porta principale, andando a togliersi qualche soddisfazione importante laddove aveva mosso i primi passi della carriera calcistica, con la maglia bianconera.

Ora che la sua seconda vita juventina sembra essersi avviata su binari positivi, divenendo importante uomo assist ed anche goleador (oltre che rigorista preciso e valida alternativa a Pirlo per le punizioni, ndr), sul cammino della Juventus e di Giovinco si presenta proprio il Parma, con la prima gara del girone di ritorno in programma domenica prossima alle 15 allo Stadio Tardini. Sicuramente per la Formica Atomica non potrà essere una gara come tutte le altre, ed è lui stesso a precisarlo senza cadere nella trappola della non riconoscenza, un sentimento davvero raro nel mondo del calcio attuale: “Devo molto al Parma perchè ha creduto in me e mi ha rilanciato”.

Giovinco non fa sconti al "suo" Parma | © GIUSEPPE CACACE/AFP/Getty Images
Giovinco non fa sconti al “suo” Parma | © GIUSEPPE CACACE/AFP/Getty Images

Sulle questioni tecnico-tattiche del match, poi, Sebastian esprime il proprio punto di vista elogiando la grande compattezza della squadra di Donadoni che, per questo, risulta davvero difficile da battere. Per la Juventus, però, dopo il buon quarto di Coppa Italia contro il Milan e la successiva qualificazione alle semifinali del torneo, l’imperativo è quello di riscattarsi anche in campionato dopo il pesante stop casalingo contro la Sampdoria: “Noi vogliamo far di tutto per rifarci della sconfitta di domenica scorsa e vincere”.

A proposito della gara contro il Milan di mercoledì scorso, poi, Giovinco affronta il discorso della sua esultanza dopo la punizione realizzata (che è valsa il gol dell’1-1, ndr) dedicando la rete dal suo profilo Facebook ai “rosiconi“, ma intendendola in tono simpatico perchè “ormai quello antipatico è Marchisio”, facendo riferimento alla recente polemica tra il Principino ed il Napoli, e sottolineando – sempre a mò di battuta – che “probabilmente da ora io sarò un po’ più antipatico al Milan”.

Battute a parte, Giovinco torna serio quando parla del cammino bianconero nei prossimi impegni ravvicinati, che saranno cruciali per il proseguio della stagione anche considerando che tra un mese tornerà anche la Champions League con l’ottavo di andata contro il Celtic Glasgow: “Affronteremo nove partite nei prossimi trentacinque giorni, sta arrivando il periodo più delicato della stagione, con tante sfide ravvicinate e tutte di grande importanza”.

Ovviamente, però, il fatto di essere impegnati su più fronti e di essere in corsa su tre competizioni è un bene per la Juventus, soprattutto perchè la squadra vuol dimostrare di essere sempre affamata di successi. Sul profilo personale, poi, Sebastian Giovinco non si nasconde in termini di ruolo personale nell’ambito del collettivo bianconero e definisce quello che è il suo ruolo nel gruppo Conte: “Mi sento importante ma non fondamentale, siamo un gruppo ed ognuno di noi è importante, da qui alla fine ci sarà bisogno di tutti”.

Compattezza di squadra e piedi per terra, in perfetto stile Conte: Giovinco è davvero cresciuto.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here