I rossoneri cambiano obiettivi: Lucio, Adebayor e Gago

0
402

Emmanuel AdebayorLe difficoltà dei rossoneri di strappare Dzeko e Mexes al Werder Brema e alla Roma sembra aver fatto cambiar obiettivi a Galliani e Braida, i ruoli da ricoprire sono sempre gli stessi: difesa ed attacco. Per il ruolo di difensore centrale prende piede nelle ultime ore l’ipotesi Lucio stanco di giocare senza grossi obiettivi nel Bayern Leverkusen, la cifra non dovrebbe esser altissima e l’esperienza accumulata dal capitano della nazionale brasiliana può esser utile per far ambientare il giovane Thiago Silva. Per l’attacco rispunta il nome di Adebayor, il togolese vuol cambiare maglia e le pretese dell’Arsenal sono scese notevolmente rispetto alla scorsa stagione: la cifra si aggira intorno ai 20 milioni ma a preoccupare i rossoneri è l’esoso ingaggio di Adebayor. il togolose vorrebbe un ingaggio che si aggira intorno ai 4,5/5 milioni di euro ed è molto alto per le strategie del nuovo Milan. Per il centrocampo il nome nuovo è Gago che potrebbe entrare nella trattativa che porta Pirlo al Real Madrid, il team di Perez infatti sembra che su consiglio di Kaka voglia affidare al centrocampista rossonero il centrocampo del nuovo Real Madrid. Il capitolo Cissokho sembra raggiungere una conclusione positiva per il volere del giocatore e delle due società, il terzino del Porto arriverà in rossonero con un forte sconto sui 15 milioni di euro pattuiti prima delle visite mediche. C’è da registrare le candidature per la maglia rossonera di Giuseppe Rossi e Cesc Fabregas a dimostrazione che i rossoneri non abbiano perso del tutto il loro appeal, l’azzurro di ritorno dal Sud Africa commenta un suo passaggio in rossonero con un esaudiente “magari”, mentre il faro spagnolo confessa di voler far un esperienza nel campionato italiano e con la maglia rossonera possibilmente.

Articolo precedenteBari: E’ Ventura il nuovo tecnico dopo la rottura con Conte
Articolo successivoCagliari il dopo Acquafresca arriva dal Brasile: Nenè. Conosciamolo
Malato di sport e sopratutto di calcio. Mi piace curare le rubriche sui settori giovanili e presentare aspiranti campioni. Ho allevato e curato Il Pallonaro con tanta dedizione e passione e aver riscontri positivi mi riempe di gioia. La nostra è una grande famiglia affiatata, chi entra a farne parte difficilmente poi non sa farne a meno.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO