Lavezzi a Porto Cervo? “Andate a cagare…”

0
385

Si è distaccato qualche giorno dal calcio togliendosi dalle prime pagine dei giornali dopo un mese di luglio da protagonista ma ieri sera in occasione della prima del Napoli al San Paolo ha di nuovo rubato la scena mettendo in secondo piano la partita contro il Penarol, la forma eccellente di Hamsik, la solidità di Inler in mediana o la bella scoperta di Fernandez in difesa.

©Valerio Pennicino/Getty Images
Aurelio De Laurentiis vuol esser il padre padrone del suo Napoli decidendo in prima persona smentendo chi come allenatore e preparatore atletico ha sicuramente più competenza a livello tecnico e atletico. Mazzarri e il preparatore Pondrelli avevano studiato per Lavezzi una preparazione alternativa da fare in riva al mare, a Porto Cervo, in modo da far scaricare mentalmente il giocatore e prepararlo ad una stagione da protagonista. Il DeLa, ovviamente, ha dimostrato il suo disappunto mandando “a cagare” il suo tecnico bocciando la proposta ed usando la platea del San Paolo per far l’ennesima lavata di testa all’argentino evidenziando un rapporto “Se vuole restare, deve allenarsi bene: non deve certo chiedere di andare via due settimane prima della pausa natalizia, non deve farsi espellere,deve comportarsi da napoletano e non da argentino. Nessuno deve lamentarsi e fare recite incampo. Bisogna che questi ragazzi acquisiscano controllo – continua – lamentarsi non serve a nulla. Se crei contrasti all’arbitro, protagonista, ti metti incattiva luce. Volevo mandarlo in ritiro in Trentino con la Primavera,per fare la preparazione, ma abbiamo impegni ravvicinati e ho accantonato l’idea”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here