Le interviste di Milan – Catania 2-2

0
410

Le interviste ai protagonisti di Milan – Catania 2-2

Leonardo: “Quella di oggi è stata una delle poche gare in cui abbiamo sbagliato approccio. In genere riusciamo a scendere in campo con la mentalità giusta, cercando il gol fin da subito, da grande squadra insomma: contro il Catania invece abbiamo iniziato con ritmi troppo blandi, e ci siamo ritrovati a subire in alcuni frangenti, anche se comunque gli spunti in attacco non sono mai mancati. Certamente pensare al nostro primo tempo non ci farebbe sperare in una rimonta ancora possibile, ma quanto abbiamo mostrato nella ripresa la dice lunga sul cuore e sullo spirito che questa squadra sa mettere in campo: noi manteniamo il nostro consueto ottimismo, e crediamo ancora nella possibilità di giocarcela fino alla fine per lo scudetto, facendo anche caso a quanto sia difficile per tutti chiudere le partite in questo campionato, specialmente contro le “piccole” in lotta per la salvezza, e in generale contro chiunque”.

Mihajlovic: “Abbiamo disputato un grandissimo primo tempo, trovandoci a contenere nella ripresa, consapevoli di essere di fronte a una squadra composta da grandissimi giocatori: il guaio è che abbiamo subito l’1-2 troppo presto, se avessimo retto agli attacchi rossoneri per 15-20 minuti in più, avremmo potuto portare a casa il risultato pieno. Dobbiamo però guardare anche il bicchiere mezzo pieno: siamo terzi nella classifica relativa al girone di ritorno, abbiamo superato anche il Chievo, e se domenica prossima riusciremo a battere il Siena credo proprio che potremo festeggiare il raggiungimento della salvezza. Lo scudetto? Rimango della mia idea, vince l’Inter, il fatto che la Roma ora sia davanti non vuol dire granché, anche perché non vincerà il derby contro la Lazio”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here