Liscio & Sbalascio: La Roma ora ci crede, Mourinho accampa le solite scuse

3
508

Terminata la 31esima giornata di Serie A, vediamo chi sono stati i migliori e i peggiori di questo turno.
Tra i migliori il primo posto non è assolutamente in discussione e dice Roma: la squadra di Ranieri doma l’Inter, si prende il 21esimo risultato utile consecutivo (16 vittorie e 5 pareggi), riapre un campionato che solo un mese fa sembrava morto e ci dà lo spunto anche per altre riflessioni, come ad esempio il fatto che dalla terza giornata (giorno del cambio di panchina giallorosso) Ranieri ha fatto 62 punti contro i 59 di Mourinho…meditate gente, meditate!

Secondo posto per il bomber tascabile del Palermo Fabrizio Miccoli: tripletta strepitosa e sogno Champions League che resta ancora vivo e a portata di mano. Quando è in giornata l’attaccante rosanero è veramente fenomenale ma non va dimenticato anche il resto della squadra (e in primis Pastore così come il tecnico Delio Rossi), con nota dimerito per il Presidente Zamparini che ha messo sù una signora squadra.
Gradino più basso per il capitano del Napoli Paolo Cannavaro, fratello minore del ben più noto Fabio che sta attraversando un periodo di forma straripante. E infatti grazie a lui il Napoli porta a casa la partita contro il Catania e si mantiene subito dietro il Palermo in classifica, pronto ad approfittare di eventuali passi falsi.

E passiamo ai peggiori dove trova posto l’Udinese, piombata in un periodo di crisi senza fine, anche se annovera tra le sue fila il capocannoniere del Campionato italiano. A Firenze la squadra friulana viene letteralmente fatta a pezzi dalla Fiorentina e non si è vista un minimo di reazione. Ma la svolta potrebbe avvenire già nella prossima giornata, quando i bianconeri ospiteranno la Juventus, famosa quest’anno per rimettere in carreggiata e ridare morale a tutte le squadre che passano momenti di crisi quando l’affrontano!
Al secondo posto troviamo il Milan: quando la formazione di Leonardo deve compiere il grande passo e diventare “adulta”, stecca sempre! l’alibi delle assenze c’è e ieri sera si è fatto sentire ma questa vaga sensazione di “incompletezza” si è fatta notare anche ieri sera nel posticipo con la Lazio.

Peggiore di giornata l’Inter e il suo allenatore Josè Mourinho: ancora una volta il portoghese c’è ricascato ponendo l’accento su complotti del sistema contro i nerazzurri.Ma chi ha visto la partita contro la Roma sa perfettamente che se una squadra è stata per così dire “danneggiata” dall’arbitraggio questa non è stata sicuramente l’Inter, ma i giallorossi, e non ci sembra ora luogo di analizzare e riportare gli episodi. La spiegazione del tracollo interista in campionato è molto più spiegabile con altre cose rispetto a ciò che dice il suo allenatore (ad esempio i nerazzurri nelle ultime 3 trasferte hanno raccolto solo un punto) e ci sembra poco carino spostare il tiro sempre su congiure nazionali ai danni di una vittima sacrificale designata ormai da vari anni. Anche perchè questa vittima designata è ancora prima in campionato e di arbitraggi sfavorevoli nei suoi confronti non se ne sono visti molti (a differenza di quello che va predicando ormai da 2 mesi il suo allenatore Mourinho).

Articolo precedenteBasket, Serie A: Montegranaro seconda, Siena torna al successo
Articolo successivoNBA: Raptors allo sbando

3 COMMENTI

  1. ho la netta sensazione che tu NON sia interista vero?

    ahahahahahahahahahahahahahah ragazzi quante cavolate scrivete

  2. @ Dario

    Condivido quanto scritto dall’autore dell’articolo inerente a Mourinho. Se non sei d’accordo esponi il tuo parere motivandolo. Magari sarai solo tu a dire cavolate…..povere vittime nerazzurre sempre a piangere e gridare al complotto anche quando la tua squadra segna con 3 uomini in fuorigioco di oltre un metro e graziata dall’arbitro per un calcio di rigore non concesso per fallo di Julio Cesar su Brighi. Per non parlare dei 3 rigori non dati tra andata e ritorno al Chelsea, uno all’andata su Kalou da solo davanti a Julio Cesar e 2 al ritorno, in particolar modo il “placcaggio” in area su Drogba. Forse qualcuno dell’ambiente nerazzurro doveva dire a Samuel che si trattava di una partita di calcio, non una di rugby. O Forse è tutto normale…interisti ridicoli, Mourinho pagliaccio!!!!!!!!!!

  3. Per Dario,

    Dimmi gentilmente dove ho scritto cavolate….! Ho riportato solo i fatti, e i fatti in questa occasione sono le solite lamentele dell’Inter (che come al solito cerca di stravolgere la vera realtà delle cose!!!)in una partita che per quanto riguarda gli episodi ha visto nettamente sfavorita la ROMA (e onestamente mi urta altamente riportare questi episodi che sono lampanti e sotto gli occhi di tutti, tranne che di voi interisti!). La rubrica che curo assieme ai miei colleghi ha visto più volte protagonista in negativo la Juve, i suoi allenatori, i giocatori e la classe dirigente, ma non un solo tifoso juventino ha alzato il dito per controbattere le argomentazioni degli articoli. La stessa cosa dicasi per il Milan che in questa settimana è inserito nei “peggiori” di giornata, ma non ho visto nessun tifoso milanista andare “in bestia” per quanto ho scritto. Giovedì nella rubrica il migliore di giornata è stato Eto’o (doppietta al Livorno) e di conseguenza ho inserito nel commento anche l’Inter (vai a vedere se non credi), in quel momento vi stava bene e non mi avete “linciato” come al solito!. Le lamentele alla fin fine provengono solo dagli interisti, la prossima volta ditemi voi tifosi nerazzurri ciò che dovrei scrivere sulla rubrica, così da mettere a tacere ogni discorso negativo sullo squadrone nerazzurro. A me sembra proprio che stiate portando le persone ad avere “paura” di scrivere contro la “Beneamata” adottando un metodo che porti alla censura (in alcune circostanze siete veramente ridicoli e patetici)!!! E Se proprio vuoi saperlo non tifo per nessuno perchè mi occupo di basket, soprattutto NBA, e di sport americani in generale. Quindi non so dove potresti arrivare accusandomi di non essere interista, perchè comunque non sono per nessun’altra squadra. E visto che non è la prima volta che devo dare conto delle mie parole e dei miei articoli alla tifoseria nerazzurra, sai che ti dico? che sono orgoglioso di non essere tifoso dell’Inter…

LASCIA UN COMMENTO