Liscio&Sbalascio: fatti e misfatti della seconda giornata di serie A

0
519

Torna la rubrica settimanale “Liscio & Sbalascio” per la seconda giornata di campionato e cominciamo subito ad analizzare i fatti che abbiamo apprezzato e quelli che invece non ci sono piaciuti.
Da dove iniziare se non dal primo derby della stagione 2009/2010? E’ per questoche analizziamo subito Milan-Inter senza chiederci troppo quale delle due squadre promuoviamo. Dopo aver avuto conferma (senza bisogno a dire il vero) che l’Inter è una squadra completa, promuoviamo senza dubbio Sneijder che, a due giorni dall’arrivo a Milano, ha subito conquistato e convinto il suo pubblico (ma permetteteci di dire che l’impresa non è risultata troppo ardua); Milito si conferma il fuoriclasse della scorsa stagione al Genoa e Eto’o dimostra di essersi ambientato nel migliore dei modi. Insomma ci sarebbe da spendere una parola un pò per tutti.

Passiamo all’altra partita importante in programma in questa giornata di campionato e scusate se oggi ci sentiamo di esaltare Diego, il giocatore che ha cambiato volto alla Juventus. Diego imposta, Diego punta e davanti al portiere la mette dentro. E’ vero che il primo goal nasce da un errore di Cassetti ma solo un fuoriclasse riesce e infilare il portiere dalla sinistra di esterno destro.

Parliamo ancora una volta di Cassano e la sua risposta a Lippi per la mancata convocazione? No saremmo ripetitivi e allora preferiamo far rientrare tra i lisci la prima doppietta di Quagliarella davanti al suo pubblico del San Paolo.
Promuoviamo anche le 3 squadre che affiancano la Juve in vetta in classifica, ovvero Sampdoria, Genoa e Lazio.

Analizziamo ora lo Sbalascio della seconda giornata e con cosa potremmo iniziare? Certamente con il Milan. Dopo aver decantato il trionfo dell’Inter, passiamo ad analizzarne invece la rovina dei cugini milanesi. Potremmo iniziare col dire che il Milan non è una squadra competitiva quest’anno, è carente in alcuni reparti, manca di un vero leader capace di guidare la squadra. Gattuso ha dato dimostrazione di non esserlo, inguaiando i suoi compagni (già in evidente stato di confusione)con quel fallo inutile scaturito da nervi a fior di pelle che non ha saputo controllare. Ma scusate tanto se nella situazione che ha visto protagonista Ringhio ci sentiamo di dare il 50% della colpa anche a Leonardo e chi si trovava in panchina. Il numero 8 Rossonero chiede il cambio al 36′ ed è uscito (o si è fatto cacciare) quasi al 39′. Perchè? Semplicemente perchè Seedorf dalla panchina non era pronto a entrare. E allora permetteteci di avere da ridire sull’atteggiamento poco serio e professionale dei giocatori (e di chi lo ha permesso) che in panchina indossavano la maglia d’allenamento e non la maglia della divisa da gioco.
Perdere un derby in casa per 4-0 non è facile da digerire come invece ha voluto far credere Silvio Berlusconi che, al termine della partita, non si è detto preoccupato perchè “in fondo sono solo 4 pappine”…..
La Roma è la delusione di quest’avvio campionato con 0 punti (dopo la prova con Genoa e Juve, dirette avversarie nel proseguo del campionato) e peggior difesa finora con 6 goal al passivo.

Per un momento abbandoniamo il calcio giocato e menzioniamo in questa categoria anche (ripetiamolo) l’ennesima esclusione di Cassano nella lista dei convocati per la Nazionale.
Altro Sbalascio che vogliamo menzionare è il solito giochino mediatico a cui ci ha abituati Mourinho che, nel pre-derby, in risposta a un Cobolli Gigli che dichiarava apertamente di sperare in una vittoria rossonera risponde: “Se vince la Juve o la Roma invece per me non cambia niente l’unica cosa che mi preoccupa è che il campionato finisce all’ultima giornata con Milan-Juventus”. E noi già alla seconda di campionato siamo stanchi dei suoi trucchetti!

Secondo voi qual è il “Liscio & Sbalascio” di questa settimana?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here