Ma Ibra non amava l’Inter?Nedved non smette

0
472

Il Procuratore Raiola confessa a Radio Tv le novità sui suoi giocatori

ibra zittisce i tifosiIl caso Ibra non si vuole placare, dopo i fischi di San Siro durante la partita con la Lazio sono le parole del procuratore dello svedese ad alimentare nuove ipotesi sul suo futuro. “Ibra ha un contratto con l’Inter ma non è suo prigioniero, se dovesse arrivare un offerta la valuterebbe”. Confessa Raiola non eslcude nuovi scenari per il suo assistito anche se afferma che allo stato attuale una sua partenza non è possibile perchè manca l’offerta. Drenthe ha ammesso di aver saputo di un interesse concreto del Real e il procuratore non smentisce anzi aumenta i sospetti:”Ibrahimovic ama la maglia dell’Inter ma questo non vuol dire niente, ha amato anche le maglie della Juve e dell’Ajax e ha sempre detto che quando arriverà una proposta interessante la valuterà”. Queste parole sicuramente non faranno piacere ai tifosi,che dopo i fischi di Domenica si aspettavano un segnale di distensione da parte dello svedese. Allo stato attuale la partenza dello svedese è difficile perchè a fermar i top club dall’ingaggio non è il costo del cartellino ma dell’ingaggio. Ibra all’Inter guadagna 12 milioni di euro e un suo ingaggio andrebbe ad aumentare il tetto salariale dei club, che al Barcellona è di 8,4 milioni annui, al Chelsea gli 8 di Lampard e Terry cosi come di 8 milioni è l’ingaggio del Pallone d’Oro Cristiano Ronaldo. Raiola sponsorizza Spalletti alla Juve: «Chi lo prende fa un affare e alla Juve starebbe benissimo, anche se non so se il problema nella Juve è l’allenatore. Nedved? Per me non smetterà». Chiude su Maxwell: «Avevamo il contatto pronto, ma non c’era rapporto con Mourinho… Le cose per Max con il tecnico sono cambiate, anche se la firma ancora non c’è, ma qualcosa è cambiato».

Articolo precedenteManchester Utd in finale, piegata l’Arsenal 3-1
Articolo successivoNBA playoff 2009: Cleveland batte Atlanta, Denver si porta sul 2-0
Malato di sport e sopratutto di calcio. Mi piace curare le rubriche sui settori giovanili e presentare aspiranti campioni. Ho allevato e curato Il Pallonaro con tanta dedizione e passione e aver riscontri positivi mi riempe di gioia. La nostra è una grande famiglia affiatata, chi entra a farne parte difficilmente poi non sa farne a meno.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO