Mancini a tutto campo tra mercato e futuro

0
252

Roberto Mancini, in vacanza, non riesce a staccare la spina completamente dal calcio, dal suo City, dal mercato e dai suoi sviluppi, ma, anzi, segue con attenzione novità e trattative con un occhio di riguardo per la sua ex squadra, ossia l’Inter, alla quale è rimasto molto affezionato.

© ANDREW YATES/AFP/Getty Images
In primis, sul tema Inter, Mancio dichiara di apprezzare molto il nuovo tecnico Gian Piero Gasperini e la sua filosofia di gioco spregiudicato e corale anche se, poi, bisognerà valutare il suo operato in base ai risultati raggiunti. Nel campionato scorso, invece, le squadre italiane che maggiormente lo hanno impressionato sono state il Milan, l’Udinese ed il Napoli. Di queste ultime due squadre ha seguito con grande attenzione Sanchez, che il City ha cercato di strappare a suon di milioni anche se poi ha deciso di fermarsi nell’assalto per il costo troppo elevato e per la chiara volontà del cileno di gradire solo la destinazione Barcellona, ed in casa Napoli, il Pocho Lavezzi, Hamsik e Cavani, mentre Javier Pastore “mi piace un po’ meno”. Il mercato del City, finora, ha seguito anche il giovane Cerci della Fiorentina che a Mancini piace molto, ma per il momento non vi sono stati sviluppi concreti nella trattativa: il City, a detta di Mancio, per ora ha chiuso solo per Savic, mentre si attende ancora per la conclusione della trattativa per Nasri. Dopo i possibili arrivi, poi, Mancio parla dei “suoi ragazzi”: in primis, Mario Balotelli, che lui ormai considera uno di famiglia poichè è amico dei suoi figli e perchè si immedesima nei suoi vent’anni, anche se sa perfettamente come sia necessario per Mario cercare di crescere nei comportamenti fuori dal campo: per questo, oltre che da tecnico, Mancini nei suoi confronti si pone come amico, parlando con il ragazzo e cercando di dargli buoni consigli. Capitolo partenti: Tevez, nonostante varie voci lo vogliano lontano dal City, non si muoverà. Mancio rivela l’impossibilità dello scambio con Eto’o, perchè l’Inter non ha alcuna intenzione di vendere il camerunense. Mancini lo sa bene perchè è rimasto in ottimi rapporti con il presidente Moratti e spesso si sentono telefonicamente. Nostalgia dell’Italia? Forse si, forse no: a Manchester si sta bene, a parte per il clima, ma di tanto in tanto il tecnico jesino sente la mancanza di pesto e tortellini…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here