Moggi analizza le questioni “calde” della serie A: Cassano e Spalletti e anticipa novità su Calciopoli

1
357

luciano moggiAnche Luciano Moggi interviene dai microfoni di radio KissKiss sulle vicente scottanti della Serie A appena iniziata: i due eventi clou della settimana sono le inaspettate dimissioni di Spalletti e la mancata convocazione di Cassano da parte di Marcello Lippi. Moggi dimostra ancora una volta di non aver peli sulla lingua e di saper interpretare ancora bene  i messaggi che manda il misterioso mondo del calcio. Sulla telenovela Lippi-Cassano l’ex dg della Juventus ipotizza (un ipotesi di Moggi vale una certezza! vero?) la mancanza di feeling tra il talento di Bari ed una parte importante della spogliatoio e una sua convocazione potrebbe incrinare lo spirito di un gruppo coeso cosi come dimostrato a Germania 2006. Questa eventualità, venuta piu volte a galla in passato ma mai confermata cambierebbe la posizione di Lippi facendolo diventare il paladino per la salvaguardia del gruppo.

Sulle dimissioni di Spalletti:”Nell’aria c’era già qualcosa di strano, poi in Roma-Juve i giallorossi sono stati inguardabili. Mexes è stato ridicolo sul secondo gol di Diego. Ranieri è un buon allenatore, l’unica bella cosa di questa storia è che il nuovo tecnico dei romani ha coronato il suo sogno”.

E nel finale arriva la stoccata di Moggi, prendendo spunto dagli 8 juventini in nazionale replica:“forse non ero cosi scarso, ma sono l’unico responsabile di Calciopoli, un evento studiato ad arte ma presto ci saranno piacevoli novità”

1 COMMENTO

  1. OGGETTO: “UNO JUVENTINO CINESE”.

    Come già scritto a qualche giornalista, la presente, per comunicarle una sensazione che attraversa il mio animo sportivo, a proposito delle vicende che riguardano calciopoli/farsopoli (nota dello scrivente) degli ultimi giorni, infatti, dopo più di due anni, dal 2006, “il tempo è galantuomo” e “aspettando il corpo del nemico sulla riva del fiume” sembra che “tutti i nodi vengono al pettine” “dal tribunale ordinario di Roma o da quello di Napoli, (e non ultimo il tribunale di pace di Lecce), con furore”, dove a proposito dei testimoni dell’accusa, Nucini, Capobianco, Gazzoni ecc., e Baldini assente, o illusi vantatori di mal torti subiti (vedi sentenza Lecce), penso che “meglio una cosa vista che cento cantate” o “è difficile vedere un gatto nero in una stanza buia specialmente quando non c’è”, bisogna ricordare “che a chi pianta alberi, altri ne godranno i frutti”, vale anche per alcuni giornali nazionali, che oggi tacciono, mentre nel 2006 erano “affamati come leoni in gabbia”, “ cos’è mai un tamburo se nessuno lo sa suonare”, dando modo agli accusati violatori del codice Decubertiano, (perchè non portavano la cravatta, mentre altri non avevano manco i pantaloni…), di difendersi al meglio, infatti “anche un coniglio intrappolato è pronto a lottare”.
    “Tempo al tempo” considerando che le “bugie hanno le gambe corte” o che “l’invidia è come un granello di sabbia pronto ad accecare” i tanti pinocchi giornalisti e i perdentoni-spreconi “chi di spada ferisce di spada perisce”, infatti “non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire, e peggior cieco di chi non vuol vedere”, Juventus prima di calciopoli/farsopoli: prima in Italia, quarta in Europa, tra le prime dieci al mondo per risultati sportivi, economici e contabili, statistiche ( fonte ufficiale RSSSF STATISTICHE CLUBS, WIKIPEDIA, SOLE24ORE, F.I.F.A. CLUBS, U.E.F.A. CLUBS ). Aspettando “il morto che passi”, tra qualche mese la Juventus potrebbe trionfare, vincendo la Coppa della Resurrezione, trofeo mai vinto da nessuna altra squadra, a dispetto dei tanti pinocchi giornalisti e dei perdentoni-spreconi, perché “lento è il cammino della giustizia, ma inesorabile è il suo giudizio”. Mi scusi per il mio intervento, ma come all’oggetto, oggi mi sento “uno juventino cinese”, e augurando a tutti di amare il calcio, e non di distruggerlo tanto il risultato del rettangolo verde è il vero giudice di ogni partita, e non un capriccio, buon campionato a tutti. Vogliate gradire i più distinti saluti, amen.
    FOGGIA

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here