Il Napoli non sa più vincere, è crisi Cavani?

0
544
Cavani sbaglia il rigore in Chievo-Napoli | © Dino Panato / Getty Images

La macchina da gioco del Napoli si è inopinatamente inceppata e con la sconfitta del Bentegodi per mano del sorprendente Chievo la squadra di Walter Mazzarri sprofonda in una crisi di gioco e di risultati reale e preoccupante. Il brusco stop al cospetto dei clivensi rallenta ulteriormente la corsa dei partenopei verso la Champions League, braccati peraltro da un Milan solido ed arrembante a Marassi di fronte al Genoa. Il Napoli non sa più a vincere né tra le mura amiche né tantomeno lontano dal San Paolo. Estromessa a dicembre dalla Coppa Italia ad opera del Bologna, bistrattato in Europa League dal non irresistibile Viktoria Plzen, il Napoli adesso rischia di mettere in serio repentaglio anche il secondo posto in campionato, che gli garantirebbe l’accesso in Champions League senza passare dai preliminari. Ad un certo punto della stagione la squadra di De Laurentiis ha anche accarezzato il sogno di agganciare la Juventus nella lotta per lo Scudetto, prima di naufragare impietosamente in un campionato diventato improvvisamente complicato.

Non è un caso che la crisi di risultati del Napoli coincida con l’astinenza in zona-gol di Edinson Cavani, cannoniere implacabile che aveva abituato fin troppo bene i suoi tifosi e gli addetti ai lavori. Molte volte le prodezze realizzative del Matador hanno mascherato i limiti di gioco e caratteriali di un Napoli spesso arrembante, ma dai piani tattici probabilmente prevedibili e troppo legati ai suoi uomini simbolo lo stesso Cavani ed Hamsik. Oltretutto l’uruguagio attraversa il momento più negativo dalla sua permanenza in Italia e non è riuscito a violare la porta di Puggioni neanche dagli undici metri, con un rigore che avrebbe senza dubbio potuto riaprire la partita.

Cavani sbaglia il rigore in Chievo-Napoli | © Dino Panato / Getty Images
Cavani sbaglia il rigore in Chievo-Napoli | © Dino Panato / Getty Images

L’impressione è che qualche meccanismo all’interno del Napoli stia comunque scricchiolando. La compagine azzurra vive da un po’ di tempo delle stagioni al vertice. Con l’avvento di Mazzarri il Napoli è passato dalla zona retrocessione alla Champions League, vincendo anche la Coppa Italia lo scorso anno. Probabilmente i piani dei partenopei vanno rinvigoriti con progetti, uomini e stimoli nuovi. Anche ieri contro il Chievo è finito sotto accusa il reparto difensivo con De Sanctis in testa, mentre Pandev ancora una volta è parso troppo evanescente come in altri frangenti di questa stagione.

Intanto gli azzurri guardano già al prossimo impegno di campionato contro l’Atalanta, sperando di tornare a festeggiare le prodezze di Cavani. L’attaccante uruguagio ha confermato di voler rimanere a Napoli, nonostante le offerte stratosferiche piovute dalla Premier League e dal Real Madrid. Il Matador vuol rimanere a Napoli ed in ben informati narrano anche di un suo probabile acquisto di una villa al mare nei pressi di Agropoli, dove ci sarebbero già degli amici e dei parenti. Il Napoli si augura di risollevarsi in attesa di un nuovo cenno del suo goleador.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here