NBA: Gravi infortuni per Bogut e Bosh

0
489

Brutte notizie giungono dall’infermeria per i Milwaukee Bucks.

I Bucks infatti dovranno fare a meno del proprio centro titolare, Andrew Bogut, per il resto della stagione (playoff compresi). Ancora una volta la prima scelta assoluta del draft 2005 non riesce a giocare una stagione completa. Dopo una schiacciata nel secondo periodo della gara vinta dai Bucks sui Suns, Bogut è infatti ricaduto in maniera scomposta sul proprio braccio destro. Sottoposto a primi accertamenti presso il Bradley Center dall’ortopedico Michael Gordon è stato poi portato per ulteriori accertamenti al Sinai Medical Center. I test cui è stato sottoposto (tac e RMI) hanno evidenziato il dislocamento del gomito destro, la distorsione del polso destro e, fatto più grave, la frattura della mano destra. Nonostante tutto è andata bene al giocatore che avrebbe potuto fratturarsi anche l’ulna e il radio. Rilasciato dall’ospedale, non è ancora stato stabilito per quanto tempo dovrà stare lontano dai campi di gioco. Ma la stagione, si sa, per lui, è ormai finita.
Bogut, 213centimetri, classe 1984, ha giocato 69 partite in questa stagione. Per lui 15.9 punti (52% al tiro), 10.2 rimbalzi, 2.5 stoppate e 1.8 assist in 32 minuti di impiego medio.

Anche Toronto piange: La stella Chris Bosh è stata sottoposta alla riduzione della frattura del setto nasale procuratagli da una gomitata di Antawn Jamison durante la partita persa dai Raptors contro I Cavs. Il problema è che non è stato solo il naso ad essersi fratturato ma anche un osso della faccia che potrebbe costargli la stagione: la frattura al naso sarebbe guaribile in una settimana e con una protezione avrebbe ottenuto il via libera dello staff medico, ma visto che la situazione pare più complicata dall’altra frattura ecco che le voci dicono che il numero 4 di Toronto potrebbe aver chiuso in anticipo la stagione. Bosh, 208 cm classe 1984, ha giocato 70 partite. Per lui 24 punti (52% al tiro), 10.8 rimbalzi, 2.4 rimbalzi e 1 recuperata in 36 minuti.
Situazione simile per il suo compagno di squadra Turkoglu che per una frattura al naso salterà le ultime partite di regular season per poi tornare negli eventuali playoff. Turkoglu, 208cm classe 1979, ha giocato 70 partite. Per lui 11.5 punti (41% al tiro), 4.4 rimbalzi e 4.1 assist di media in 31 minuti di gioco.

Ennesimo infortunio anche per Chris Paul: il play degli Hornets si è procurato la lesione del tendine del dito medio della mano destra, infortunio patito nel corso dell’allenamento di squadra di martedì scorso. Il giocatore non si sottoporrà ad operazione ma dovrà restare lontano dai campi di gioco per almeno sette settimane. New Orleans non ha comunque più nulla da chiedere al suo campionato, ormai da tempo estromessa dalla lotta per i playoff della Western Conference.
Paul, 183cm classe 1985, ha giocato solamente 45 partite in questa stagione. Per lui 18.7 punti (49% al tiro), 10.7 assist, 4.2 rimbalzi e 2.1 recuperate in 38 minuti di impiego medio a partita.

Al Harrington, ala piccola dei New York Knicks, verrà invece sottoposto ad intervento chirurgico in artroscopia alla spalla destra quest’oggi. Per lui lo stop da osservare sarà di 3-4 mesi. In scadenza di contratto, difficilmente i Knicks lo rifirmeranno da free-agent.
Harrington, 206cm classe 1980, ha giocato 72 partite. Per lui 17.7 punti (44% al tiro), 5.6 rimbalzi e 1.5 assist in 30 minuti di impiego medio a partita.

Articolo precedenteManchester United scatenato: arriva il “Chicharito” Hernandez
Articolo successivoSud Africa 2010: l’ombra di Bin Laden minaccia gli azzurri

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO