NBA: Lakers ok, Miami travolge i Clippers. Bene Chicago

0
434
LeBron James incontenibile anche questa sera | ©Mike Ehrmann/Getty Images

Alcune sorprese e piccole cammei per quest’altra giornata di Nba, nella quale si sono giocate dodici partite. Tralasciando la vena poetica di stamattina, partiamo subito con la sfida del Verizon Centre, che ha visto Washington superare 89-74 i Nets grazie alla prova maiuscola di Nenê, top scorer dei suoi con 20 punti, a cui aggiunge anche 11 rimbalzi. Molto bene anche Martell Webster (16) e John Wall (15), con Washington che torna quindi a sorridere dopo aver conquistato il terzo successo di fila consecutivo. Per i Nets piccola battuta d’arresto che ci può anche stare: Deron Williams chiude la serata a quota 20 punti e 6 assist. La prima sorpresa della serata arriva a Indianapolis, dove all’overtime Toronto riesce ad avere la meglio sui Pacers (98-100). Ancora una volta a fare la differenza per i Raptors è stato Rudy Gay, che oltre a segnare 17 dei 23 punti complessivi soltanto nel quarto periodo, ha anche regalato il successo ai canadesi con un canestro a meno di due secondi dal termine. Perdendo, Indiana arresta la sua striscia positiva di quindici vittorie consecutive.

Kobe torna assist-man, i Clippers non tornano proprio

Ci voleva una vittoria così. Chicago spazza via i dubbi degli ultimi giorni conquistando una vittoria importantissima a Utah, battendo i Jazz 89-93. Incontro equilibrato tra le due squadre, che ha visto nel primo tempo i Bulls in controllo, salvo poi registrare la rimonta dei padroni di casa. La svolta del match a 2’29” dal termine, quando Boozer (su assist di Belinelli) ha pareggiato i conti (83-83). Lo stesso Carlos ha poi segnati altri sette punti consecutivi, tenendo sempre avanti i Tori Rossi, che alla fine ringraziano sopratutto Nate Robinson e i suoi 18 punti. Buona prestazione del nostro Beli, autore di 9 punti e 6 assist in 29 minuti di gioco.

Kobe Bryant ha seguito il nostro consiglio ed è tornato ad essere assist-man nella partita che i Lakers hanno giocato a Charlotte (93-100). Il 24 giallo-viola termina con 20 punti, 8 rimbalzi e 7 assist, in una partita sofferta, vinta dalla squadra di Mike D’Antoni soltanto grazie ad un ultimo quarto rabbioso (15-31 il parziale). Ottimo anche il contributo di Steve Nash e Clark, entrambi con 17 punti a referto. Dwight Howard si ferma a 12 punti e 11 rimbalzi.

La seconda sorpresa della serata arriva dall’incontro della Philips Arena, dove gli Hawks si son fatti sorprendere da New Horleans (100-111). Tutto però paradossalmente può rientrare nella normalità, perché soltanto un miracolo poteva far accadere una cosa simile, prodigio che è puntualmente accaduto: la tripla-doppia di Greivis Vasquez (21 punti, 11 rimbalzi e 12 assist). Abbiamo detto tutto.

LeBron James incontenibile anche questa sera | ©Mike Ehrmann/Getty Images
LeBron James incontenibile anche questa sera | ©Mike Ehrmann/Getty Images

La terza sorpresa, e sinceramente detto fra noi quella più incredibile, è la vittoria dei Pistons su San Antonio (119-109). Alla vigilia avevamo dipinto questo match come una di quelle partite dove c’è solo una sola in squadra. Dobbiamo invece ammettere che Detroit è riuscita davvero nel colpaccio, sfruttando le doti atletiche dei suoi uomini a rimbalzo, lì dove partita non c’è mai stata (49-33). L’eroe della serata è Greg Monroe con 26 punti e 16 rimbalzi, mentre Tony Parker ne mette a segno 31.

A Cleveland fila tutto liscio, con i padroni di casa che conquistano la loro terza vittoria consecutiva (119-108), infliggendo ad Orlando il dodicesimo ko nelle ultime dodici partite. Senza farlo apposta il migliore dei Cavs è sempre Kyrie Irving, protagonista con 24 punti, 6 rimbalzi e 8 assist. Vuoi vedere che il Rookie 2011 sta studiando da Black Mamba?

Trasferiamoci in Florida dove LeBron James continua ad amoreggiare con la soglia dei 30 punti (che mette a referto da quattro partite consecutive), e lo fa tirando con percentuali fuori dal pianeta, come dice Wade: ieri 9/11, negli ultimi 47 tentativi la palla è entrata dentro 37 volte. I Clippers chiaramente non hanno potuto opporsi alla stella di Miami, nonostante il rientro di Chris Paul (tre punti in 20 minuti) e Blake Griffin, fermo a 13 punti e 5 rimbalzi.

Eravamo rimasti alla terza sorpresa di Detroit. Bene, ce n’è una quarta, ovvero il successo casalingo di Memphis sui Warriors (99-93). Golden State perde ancora quindi, dopo le due sconfitte in trasferta contro Houston e Miami. I Grizzlies tornano a vincere dopo due partite, e lo fanno aggrappandosi a Marc Gasol (20 punti, 11 rimbalzi, 5 assist). Stephen Curry si consola con il referto, che lo vede in cima con i suoi 32 punti.

Tutto come da copione al Toyota Center, dove Houston strapazza i Blazers (118-103), conquistando il quarto successo consecutivo in casa. Sì, James Harden anche oggi è stato stratosferico, con 35 punti, 7 rimbalzi e 11 assist. Aldridge (31) dall’altra parte ci ha provato, ma i Rockets al momento sono difficili da battere, specialmente al Toyota.

Nei pronostici di ieri forse avevamo dedicato a questa partita sì e no una riga e mezzo. La gara in questione è Thunder-Suns (127-96), e come ieri ci limitiamo a dire che Durant (21) e Westbrook (17) non hanno giocato neanche dieci secondi nell’ultimo quarto. Da sottolineare anche i 17 punti, 9 rimbalzi e le tre stoppate di Perkins.

Non è bastato ai Timberwolves essere davanti di 10 punti nell’ultimo quarto per avere ragione dei Knicks, che alla fine della fiera ottengono la vittoria che volevano (94-100). Non è servito neanche un Ricky Rubio da 18 punti e 11 asssist. L’unica cosa che Minnesota avrebbe voluto era l’assenza di Carmelo Anthony. Quest’ultimo però c’era, e i suoi 36 punti finali la dicono lunga su chi sia stato il fattore della partita. Guanta il Melo, Twolves guanta il Melo…

Tutti i risultati

Wizards-Nets 89-74
Pacers-Raptors 98-100 (ot)
Bobcats-Lakers 93-100
Cavaliers-Magic 119-108
Pistons-Spurs 119-109
Hawks-Hornets 100-111
Timberwolves-Knicks 94-100
Heat-Clippers 111-89
Grizzlies-Warriors 99-93
Rockets-Blazers 118-103
Thunder-Suns 127-96
Jazz-Bulls 89-93

Classifica Eastern Conference

  1. Heat 33-14
  2. Knicks 32-16
  3. Pacers 31-20
  4. Bulls 30-20
  5. Nets 29-21
  6. Hawks 27-22
  7. Celtics 26-23
  8. Bucks 25-23
  9. Sixers 21-27
  10. Pistons 19-32
  11. Raptors 18-32
  12. Cavaliers 16-34
  13. Wizards 14-35
  14. Magic 14-36
  15. Bobcats 11-38

Classifica Western Conference

  1. Spurs 39-12
  2. Thunder 38-12
  3. Clippers 35-17
  4. Nuggets 32-18
  5. Grizzlies 31-18
  6. Warriors 30-20
  7. Jazz 28-23
  8. Rockets 28-24
  9. Blazers 25-25
  10. Lakers 24-27
  11. Mavericks 21-28
  12. Timberwolves 18-29
  13. Hornets 17-33
  14. Kings 17-33
  15. Suns 17-34

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here