NBA: Meeting finito male, il lockout non si sblocca

0
433
Nba | foto tratta dal web

Sostanziali passi indietro nell’incontro svoltosi qualche ora fa tra i proprietari delle squadre NBA ed i rappresentanti dei giocatori. Se nei giorni scorsi un discreto ottimismo pervadeva gli animi degli addetti ai lavori, secondo cui si poteva trovare una soluzione per porre fine al lockout, ora si registrano invece delle divergenze che potrebbero portare all’annullamento della preseason e dei training camp con la cancellazione della prima parte della stagione.

nba.com
Una situazione difficile da sbrogliare, per certi versi anche difficile da capire anche per tutti noi che del basket ci occupiamo quotidianamente. Queste le dichiarazioni sibilline del commissioner David Stern alla fine del meeting:

  • “Non è stata una bella giornata, questo è poco ma sicuro. Giovedì però ci sarà una nuova riunione tra i proprietari e noi rimaniamo fermi nella nostra intenzione di non cancellare alcuna partita della preseason. Certo, la situazione è difficile. Ma dobbiamo cercare di essere ottimisti”.

Una dichiarazione che stona rispetto a quella di Billy Hunter, rappresentante dei giocatori:

  • E’ stato un vero nulla di fatto e non ci sono risultati concreti. Non c’è possibilità alcuna che la nostra associazione possa accettare l’accordo proposto dai proprietari. Almeno metà della stagione potrebbe saltare prima di riuscire a trovare un accordo”.

Sulla stessa lunghezza d’onda il playmaker dei Lakers Derek Fisher:

  • Non pensiamo che i training camp possano iniziare alle date prestabilite”.

Pesanti interrogativi dunque sul futuro della NBA. Anche perché il prossimo incontro è stato cancellato. Giovedì i proprietari si confronteranno a Dallas, mentre i giocatori si riuniranno a Las Vegas. Le 2 parti sembrano comunque sempre più lontane.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here