NBA, playoff 2010, primo turno: Orlando Magic – Charlotte Bobcats

0
332

Orlando parte da una posizione di vantaggio perchè è arrivata seconda ad Est, Charlotte per la prima volta accede ai playoff (da quando la città del North Carolina ha accolto la franchigia dei Bobcats) e nonostante il settimo posto potrebbe dare molti più problemi di quanto non possa sembrare ai vice campioni NBA.
Di Orlando ormai sappiamo il suo gioco che risulta molto pericoloso: un mix di “dentro-fuori” che se attuato con perizia risulta devastante. Se si decide di dare la palla dentro il pitturato, Dwight Howard risulta letale visto il suo strapotere fisico. Se la palla viene fatta girare sugli esterni, i Magic hanno giocatori che risultano pericolosissimi nel tiro dalla lunga distanza come Vince Carter, Jameer Nelson, Rashard Lewis, J.J. Redick, Matt Barnes, Jason Williams e Mickael Pietrus. E quando queste 2 armi funzionano assieme praticamente Orlando diventa imbattibile.
Dal canto loro i Cats però non partono sconfitti visto che potenzialmente avrebbero tutti gli atleti giusti per tenere sotto controllo gli avversari: Tyson Chandler se è a posto fisicamente può dare filo da torcere ad Howard. Gerald Wallace e Stephen Jackson risultano indigesti, in attacco, a parecchi uomini della rotazione di coach Stan Van Gundy e in difesa, vista la stazza e l’attitudine a difendere in modo costante, potrebbero far calare le percentuali nel tiro da fuori e dalla media dei neroazzurri della Florida.
In definitiva Orlando è la favorita, ha chiuso il periodo post-All Star Game con il miglior record della NBA (33 W-8 L) ma i Bobcats hanno le possibilità di mettere in difficoltà la squadra di Van Gundy.

La chiave della serie sarà la difesa dei Bobcats. Se riusciranno a limtare il tiro da tre dei Magic avranno una possibilità. Per cercare di fermare Howard la staffetta a disposizione di Brown è lunga: Chandler, Mohammed, Ratliff e Tyrus Thomas. Il loro compito sarà quello di cercare di limitarlo in attacco e di fargli commettere falli anche se nessuno dei quattro ha realmente la possibilità di fermarlo. Da non sottovalutare il fattore coach visto che Larry Brown, allenatore dei “Gatti Selvatici” è uno dei migliori in circolazione (ottava squadra diversa portata alla post season) e potrebbe dare scacco al collega Van Gundy.

I Magic dovrebbero scendere in campo con questo quintetto: Jameer Nelson e Vince Carter come guardie, Rashard Lewis e Matt Barnes come ali e Dwight Howard come centro. Dalla panchina potrebbero risultare decisivi il francese Mickael Pietrus (gran difensore e buon attaccante) Marcin Gortat come cambio di Howard, J.J. Redick tiratore terrificante e Jason Williams a portare tanta esperienza quando conta. Ricordiamo che la panchina dei Magic è stata la migliore nella regular season assieme a quella dei Cavs.
Charlotte schiererà invece: Raymond Felton e Stephen Jackson come guardie, Gerald Wallace e Boris Diaw come ali e Tyson Chandler nel ruolo di centro. Dalla panchina dovranno necessariamente dare il loro contributo D.J. Augustin, Tyrus Thomas, il neo arrivato Larry Hughes e i centri Mohammed e Theo Ratliff.

La serie partirà domenica 18 aprile. In dettaglio ecco tutto il calendario:
Gara 1: domenica 18 Aprile @ Orlando 5.30 pm (23.30 italiane)
Gara 2: mercoledì 21 Aprile @ Orlando 7.00 pm (1.oo italiana)
Gara 3: sabato 24 Aprile @ Charlotte 2.00 pm (20 italiane)
Gara 4: luned’ 26 Aprile @ Charlotte (orario da definire)
Gara 5: mercoledì 28 Aprile@ Orlando (se necessaria)
Gara 6: venerdì 30 Aprile @ Charlotte (se necessaria)
Gara 7: domenica 2 Maggio @ Orlando (se necessaria)

Articolo precedenteBuffon – Juventus, addio a fine stagione?
Articolo successivoMasters Series, Montecarlo: Solo Djokovic resiste al dominio iberico

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO