Roma-Cagliari 2-4, Zeman senza difesa e alibi

0
1136
Francesco Totti incredulo dopo la pesante disfatta contro il Cagliari | ©Filippo Monteforte/AFP/Getty Images

Risultato clamoroso all’Olimpico in questo anticipo della 23^ giornata della Serie A. Il Cagliari del duo Pulga-Lopez strapazza la Roma e rifila quattro reti ai giallorossi che sono ormai in caduta libera. Zeman, dopo aver rischiato pesantemente in settimana, ora potrebbe finire sulla graticola e pagare per i pessimi risultati dei capitolini. Eppure il Cagliari non è mai stata una formazione che in trasferta ha offerto molti gol: questa sera invece i sardi hanno addirittura passeggiato sul cadavere della Roma senza pietà. I tifosi giallorossi hanno ormai perso la pazienza e alle bordate di fischi si aggiungono i numerosi striscioni contro Zeman. “Via il boemo” spunta a un certo punto nella curva giallorossa, segno di una evidentemente rabbia del pubblico di fede romanista. Dalla possibile anti-Juve di inizio anno, alla squadra che ha un attacco fantastico, la Roma diventa un flop pazzesco, una delle squadre più deludenti del campionato in corso. E tutto in poco tempo. Colpa di Zeman e delle sue scelte o dei giocatori? Il dibattito è aperto anche se rispondere non sarà facilissimo.

Francesco Totti incredulo dopo la pesante disfatta contro il Cagliari | ©Filippo Monteforte/AFP/Getty Images
Francesco Totti incredulo dopo la pesante disfatta contro il Cagliari | ©Filippo Monteforte/AFP/Getty Images

SENZA DIFESA – D’accordo che Zeman schiera sempre una formazione votata all’attacco ma ieri sera il boemo ha esagerato. Difesa della Roma inesistente o, se vogliamo, imbarazzante in tutto e per tutto, portiere compreso. Da ogni angolazione la si guardi, la retroguardia giallorossa si è dimostrata un colabrodo nel vero senso della parola. I patemi per la Roma iniziano presto tanto che già al 2′ Sau, ben involato da un lancio filtrante proveniente dalle retrovie, può raggiungere il fondo e proporre al centro un pallone delizioso. Tutti immobili a guardare il tocco facile facile di Nainggolan che porta i sardi già in avanti. La Roma ha una reazione anche se non mette in mostra il gioco frizzante di Zeman: sono evidenti numerosi problemi sia in difesa che in attacco. Se anche gli attaccanti tradiscono Zeman siamo davvero alla frutta. Il pareggio giallorosso arriva con Totti direttamente da calcio di punizione poco dopo la mezz’ora, al limite dell’area. Punizione generosa fischiata dall’arbitro Romeo, barriera che si sposta e il tiro del capitano giallorosso che batte Agazzi per il pari. Il secondo tempo potrebbe offrire un film diverso ma dopo pochi minuti ecco il pasticcio della Roma. Da un cross innocuo di Avelar, Goicoechea esce in presa sicura ma il portiere inaspettatamente perde il pallone che finisce in rete. Autogol clamoroso dell’estremo difensore che gioca titolare al posto di un certo Stekelnburg.

DISCESA – A questo punto per il Cagliari è una passeggiata. Roma sotto shock e spazi che diventano praterie. I sardi in contropiede triplicano con Sau che indisturbato trafigge Goicoechea di testa su perfetto assist di Ibarbo. A venti minuti dalla fine Pisano porta i suoi sul 4-1 ribattendo a rete un tiro di Sau terminato sul palo. Per il Cagliari è festa grande. Non serve a niente il gol finale di Marquinho che riduce lo svantaggio ma non cancella una grande umiliazione per la Roma di Zeman. Proprio il boemo rischia di venire esonerato. Intanto l’ambiente ha perso la pazienza e ha iniziato a contestare: durante la partita si sono sentiti bordate di fischi all’indirizzo della squadra.

Pagelle Roma-Cagliari

Sau 7 Devastante per come mette in crisi la difesa della Roma. Lui e Ibarbo sembrano Messi e Cristiano Ronaldo e ad ogni affondo sono guai per la retroguardia giallorossa.

Goicoechea 4 Papera colossale da “Mai dire gol”. Come si può fare un’autorete del genere? Segno evidente di un caos nella testa del giocatore.

Totti 6 Il capitano giallorosso si salva solo per il rotto della cuffia. Nemmeno lui ha fatto una bella partita ma almeno ha segnato e c’ha messo grinta.

Nainggolan 6,5 Segna e in regia va che è una meraviglia. Piccola pecca: a volte è troppo irruento. Rischia il rosso nel finale.

Tabellino Roma-Cagliari:

Roma (4-3-3): Goicoechea 4; Piris 4.5, Burdisso 5, Marquinhos 5, Dodò 5.5; Bradley, Florenzi 5 (60′ De Rossi 6), Tachtsidis 4.5 (60′ Marquinho 6) ; Osvaldo 4.5, Totti 6, Lamela 5. A disp: Lobont, Taddei, Stekelenburg, Castan, Torosidis, Romagnoli. All. Zeman.

Cagliari (4-3-1-2): Agazzi 6; Pisano 6.5, Astori 6.5, Rossettini 6.5 (77′ Perico 6), Avelar 6.5; Conti 6.5 (81′ Casarini s.v), Ekdal 6.5, Nainggolan 6.5; Thiago Ribeiro 6.5 (88′ Cossu s.v), Sau 7, Ibarbo 7. A disp: Avramov, Pinilla, Dessena, Del Fabbro. All. Pulga-Lopez.

Reti: 3′ Nainggolan, 35′ Totti, 46′ Goicoechea (aut.), 52′ Sau, 71 Pisano, 94 Marquinho.

Note: Ammoniti: Piris, Tachtisidis, Lamela (Rom), Avelar, Nainggolan

Roma-Cagliari 2-4, il video

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here