Serie A: Juventus – Livorno 2-0. I bianconeri non perdono colpi

0
389

Vincenzo IaquintaE ora sono 4 su 4: la Juve ritorna in testa alla classifica di Serie A in attesa di Sampdoria e Genoa che domani sono chiamate all’esame di maturità.
I bianconeri si rivelano ancora una volta cinici e spietati sotto porta, sfruttando le poche palle gol capitate a Trezeguet e Iaquinta. Ferrara deve fare i conti con gli infortuni: Del Piero, Diego, Felipe Melo, Cannavaro, Tiago, Salihamidzic e il quasi recuperato Sissoko, lontano dai campi di gioco da mesi, sono out; in mezzo al campo il tecnico bianconero rispolvera Poulsen mentre affida il ruolo di vertice alto del rombo di centrocampo a Giovinco.
Il Livorno si presenta all’Olimpico con la formazione tipo, con Lucarelli e Tavano coppia d’attacco ma sono i padroni di casa a passare in vantaggio nei primi minuti del primo tempo con un colpo di testa di Iaquinta servito da un perfetto assist di Camoranesi: l’attaccante della Nazionale si dimostra ancora una volta l’uomo più in forma della squadra di Ferrara.
I labronici non si perdono d’animo e tentano di agguantare il pareggio con Tavano ma trova un Buffon in serata di grazia che alla fine risultarà anche il migliore in campo.
Alla mezz’ora è doppietta Juve: è ancora Camoranesi a sfornare assist per i compagni, questa volta per Marchisio che entra in area e beffa il portiere ospite De Lucia con un pallonetto. Prima del riposo Iaquinta ha l’occasione di arrotondare a 3 le reti dei bianconeri con un tiro al volo da distanza ravvicinata ma De Lucia compie un miracolo respingendo la sfera. E’ l’ultima occasione del primo tempo: si va a riposo sul risultato di 2-0.

La seconda frazione di gara vede i toscani spingere sull’acceleratore ma Buffon è monumentale prima cacciando la sfera dalla testa a Lucarelli pronto ad insaccare a colpo sicuro, poi respinge un’insidiosa e angolata conclusione di Candreva.
In seguito c’è solo spazio per le sostituzioni: Russo e Ruotolo provano a vivacizzare l’attacco con l’ingresso di Danilevicius e Cellerino che subentrano a Tavano e Lucarelli mentre Ferrara inserisce il baby Marrone e De Ceglie per l’affaticato Camoranesi e l’impalpabile Giovinco e a 10 dal termine spazio ad Amauri, tenuto a riposo, che prende il posto di Trezeguet.
La Juve si porta a 12 punti in classifica a punteggio pieno e mette pressione all’Inter e al suo tecnico Mourinho che domani farà visita al Cagliari in terra sarda. In casa Livorno Russo e Ruotolo non dormiranno sonni tranquilli: 2 punti in 4 gare sono da zona retrocessione.

Il tabellino
Juventus-Livorno 2-0
JUVENTUS (4-3-1-2): Buffon; Grygera, Legrottaglie, Chiellini, Grosso; Camoranesi (73′ Marrone), Poulsen, Marchisio; Giovinco (61′ De Ceglie); Trezeguet (80′ Amauri), Iaquinta.
A disposizione: Manninger, Molinaro, Zebina, Ariaudo.
Allenatore: Ferrara
LIVORNO (4-3-1-2): De Lucia; Raimondi, Miglionico, Diniz, Pieri; Pulzetti, Mozart, (46′ Filippini), Moro; Candreva; Tavano (70′ Cellerino), Lucarelli (63′ Danilevicius).
A disposizione: Benussi, Knezevic, Marchini, Vitale.
Allenatore: Russo-Ruotolo
Arbitro: Pierpaoli
Marcatori: 8′ Iaquinta (J), 30′ Marchisio (J)
Ammoniti: 46′ Moro (L), 47′ Lucarelli (L)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here