Sud Africa 2010: non c’è pace per mondiale africano, la mascotte Zakumi realizzata sfruttando i lavoratori

0
241

A meno di 100 giorni dall’inizio del primo mondiale africano continuano a sorgere problemi costringendo la Fifa a seri e repentini provvedimenti atti a non sconvolgere lo spirito del mondiale.

Mentre tiene banco il problema prostituzione che secondo gli esperti se non sarà controllata crescerà a dismisura nel mese del mondiale e di conseguenza aumenterebbe il giro di affari loschi intorno al suo sfruttamento, la Fifa è stata costretta a sospendere la produzione di Zakumi.

Zakumi, è la mascotte dei prossimi mondiali su decisione della ‘Global Brands Group’, ditta con sede a Singapore che è titolare dei diritti per la produzione del merchandising ufficiale dell’evento sudafricano. La GBG in modo poco scrupoloso aveva commissionato la realizzazione di Zakumi all’azienda cinese ‘Shanghai Fashion Plastic Products & Gifts’ con sede a Shanghai.

Dopo molte segnalazioni la stessa GBG ha ordinato un ispezione scoprendo che l’azienda cinese provvedeva alla realizzazione sfruttando la manodopera con orari di lavorazione massacranti e costi da miseria. E’ per questo che la realizzazione è stata sospesa, ma dal Sud Africa i sindacati alzano la voce protestando contro chi ha deciso di commissionare la maggior parte dei lavori all’estero impedendo all’economia del paese di crescere.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here