Sykes in pole ad Aragon davanti a Laverty e Davies

0
1677
Tom Sykes © KIRILL KUDRYAVTSEV/GETTY IMAGES

Tom Sykes ha conquistato la Superpole del Gran Premio di Spagna nel secondo appuntamento della stagione Superbike. Sul circuito di Aragon il britannico è ritornato ad essere il mattatore del giro secco e come nello scorso anno ha piazzato la sua Kawasaki ZX10R numero 66 davanti a tutti grazie al tempo di 1:56.339. Bella soddisfazione per il vice-campione del mondo in carica che al ritorno su un pista europea si è confermato sui livelli dell’anno scorso, dopo aver deluso nella prima gara in Australia. Alle sue spalle Eugene Laverty in sella all’Aprilia Rsv4, che nulla ha potuto contro lo strapotere di Sykes in qualifica ma che sicuramente domani in gara darà battaglia. I tre decimi di distacco accusati in qualifica sembrano essere però facilmente colmabili per il pilota irlandese che ha dimostrato durante le libere di essere nettamente il pilota più veloce sul passo gara.

Tom Sykes © KIRILL KUDRYAVTSEV/GETTY IMAGES
Tom Sykes © KIRILL KUDRYAVTSEV/GETTY IMAGES

Terza posizione per Chaz Davies con la migliore delle Bmw ma a circa mezzo secondo dal tempo migliore assoluto. Il pilota britannico, autore comunque di una grande qualifica, è stato autore anche di un dritto nel suo ultimo tentativo che tuttavia non ha compromesso la sua prima fila. Dalla quarta casella della griglia partirà invece la seconda Aprilia di Sylvain Guintoli, vincitore di gara 1 a Phillip Island e deludente rispetto alla prestazione del suo compagno di squadra che è lontano ben otto decimi. Il francese partirà per un soffio davanti all’ottimo Jules Cluzel che domani porterà in alto il nome dell’unica Suzuki superstite poichè il team-mate Leon Camier sarà costretto a saltare l’appuntamento a causa di una rovinosa caduta nelle libere.

L’ultimo posto della seconda fila sarà occupato dalla Kawasaki numero due di Loris Baz, mentre la terza fila sarà composta da un duetto tutto italiano costituito da Davide Giugliano sulla Aprilia satellite e da Marco Melandri che ha chiuso la sua qualifica anzitempo, con qualche minuto di anticipo, deluso per i problemi di chatering ancora irrisolti sulla sua S1000RR. Nono tempo per Jhonny Rea capace con una Honda tutt’altro che brillante di entrare nella qualifica dei migliori nove.

Delusione invece per Carlos Checa i cui problemi riscontrati sin qui semnrano non avere fine. Lo soagnolo non è riuscito ad entrare neanche nell’ultima qualifica per giocarsi la Superpole ed inoltre la sua situazione di classifica che dopo due gara vede ancora lo 0 nella tabella dei punti, non aiuta ad accrescere il morale. A dimostrazione della scarsa competitività della Ducati quì ad Aragon la 13esima posizione di Ayrton Badovini preceduto anche da Max Neukirchner e Leon Haslam, deludente 11esimo. Male anche Michel Fabrizio sull’Aprilia che non è andato oltre il 14esimo tempo chelo porterà a ascattare domnai dalla quinta fila.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here