Valentino Rossi risponde alle critiche. Nostalgia Stoner

0
1081
Valentino Rossi | ©Mirco Lazzari gp/Getty Images

Ah rieccolo. Valentino Rossi è tornato in sella alla Yamaha dopo due anni passati a chiedersi il perché e il per come della crisi d’astinenza avuta in Ducati, con la quale aveva conquistato si e no due-tre podi messi in croce. Nei test MotoGP di ieri a Sepang, Valentino ha chiuso al quarto posto, a quattro decimi dal trio tutto spagnolo formato da Pedrosa, Lorenzo e Marquez. Dei numeri però ci frega ben poco, anche perché non siamo di quei banchieri che trascorrono la loro giornata davanti al computer per vedere dei numeri scendere e salire, manco fossero a Mirabilandia. La questione centrale è il ritorno di Valentino Rossi, in tutti i sensi. Perché piaccia o non piaccia, il Dottore ieri ha lanciato un messaggio inequivocabile a chi lo dava per spacciato: io ci sono, e voglio lottare per vincere.

Valentino Rossi c’è, ma Stoner?

Valentino Rossi | ©Mirco Lazzari gp/Getty Images
Valentino Rossi | ©Mirco Lazzari gp/Getty Images

Di questi tempi l’anno scorso Rossi non se la passava di certo bene, ingarbugliato come era tra dati e telai nuovi per rendere migliore la Ducati, la quale però si comportava come la bigotta più incallita del paesello di montagna, che prima di concedersi all’eventuale fidanzato deve ripetere dieci ave maria e cinque pater noster, in modo da purificare corpo e spirito. Ecco, uno spirito che invece pareva del tutto assente nella Ducati, insensibile a qualsiasi modifica, e fatichiamo a credere che quest’anno le cose cambino in positivo, visti anche i distacchi rimediati ieri (due secondi e passa). Forse per il Dovi la soluzione migliore era quella di rimanere nel team satellite della Yamaha, e fregarsene della decisione dei simpatici giapponesi di preferirgli Valentino. Almeno il numero 46 l’avrebbe visto da vicino in gara, senza dover portare sulla moto i binocoli.

Mi dicono di non parlare degli assenti, che non sta bene. Il senso del galateo però fatico a coglierlo quando di mezzo ci sono piloti che vivono per una bandiera a scacchi. E allora parliamone pure di Casey Stoner, l’assente, colui il quale ha preferito una tranquilla vita in Australia dove andrà a comporre il ridente ritratto della famiglia perfetta. Lui ricco sfondato, lei bella e basta, più il bimbo. Bene, c’è un problema però. Non che voglia farmi gli affari degli altri, però Stoner all’anagrafe risulta avere 27 anni. A voi sembra giusto un ritiro a questa età? Ora senza scomodare nessuno per carità, però se anche uno come Biaggi ha vinto a 41 anni un titolo mondiale, perché sprecare un talento come il suo (di Stoner eh) lì tra canguri e partite del Sydney? Francamente ci appare assurdo.

Non vogliamo pensare che l’abbia fatto consapevole che Valentino Rossi sarebbe tornato competitivo quest’anno, in modo da evitare qualsiasi scontro in pista. Che fine farebbe sennò il pilota Stoner? L’unico capace a guidare e vincere in sella ad una Ducati, e l’unico capace di rompere le scatole al Dottore sia dentro che fuori la pista. L’unico che in questi ultimi anni ha mostrato un potenziale ed un talento in moto enorme, superiore rispetto a tutti gli altri, compreso camomilla Pedrosa e l’altro spagnolo Lorenzo. L’unico però a ritirarsi alla verde età di 27 anni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here