Anche Berlusconi aveva una sim di Moggi?

2
432

Durante il dibattito su Calciopoli 2 andato in onda nella trasmissione di Canale 5 “Matrix” condotta da Alessio Vinci è divampato un acceso scontro dialettico tra il direttore di TgCom Paolo Liguori e Luciano Moggi. L’oggetto del contendere sono le famose schede svizzere per Liguori la prova lampante della cupola moggiana mentre per Moggi uno strumento per prevenire lo spionaggio industriale durante il calciomercato.

Il dibattito si accende e Moggi sibilla una frase “strana” in cui tira in ballo i datori di lavoro di Liguori (Mediaset e Berlusconi ndr) facendo intendere che anche Silvio Berlusconi avesse una delle famose schede svizzere. Ricordiamo come Moggi nel Settembre 2005 fece una misteriosa visita al Presidente Berlusconi a Palazzo Grazioli e per i ben informati era per sancire il passaggio del dg bianconero al Milan.

2 COMMENTI

  1. come si puo credere in quella giustizia ? a capo di quel gruppo indagini chi cera ? BORRELLI.nemigo dichiarato di BERLUSCONI .E voi non pensate che era tutto organizzato? vedi ROSSI commissario. “SENTENZA SENZA INDAGINI” “COME IL SEMPRE DI BORRELLI e STAFF

  2. riportato:
    La procura di Napoli ha reagito dopo la pubblicazione delle telefonate tra Moratti e Bergamo parlando di un tentativo di “fare disinformazione” e sottolineando che l’esistenza di una telefonata non rappresenti necessariamente un reato. La cosa che però lascia molto perplessi arrivati a questo punto, è che il Pm Giuseppe Narducci in data 27 Ottobre 2008, nella sua requisitoria di apertura del processo celebrato con rito abbreviato nei confronti di 11 imputati, tra i quali Antonio Giraudo, aveva smentito categoricamente l’esistenza di altre telefonate che riguardassero altri dirigenti; ”balle smentite dai fatti” per usare le sue parole.
    Lo scopo era quello di liquidare la tesi sostenuta da diversi imputati, tra i quali Moggi e Giraudo, seconda la quale ad intrattenere rapporti con i designatori erano tutti i dirigenti di tutte le squadre e che la cosa fosse normale e risaputa. Queste le parole del Pm Narducci nella sua requisitoria:
    ”Piaccia o non piaccia agli imputati non ci sono mai telefonate tra Bergamo o Pairetto con il signor Moratti, o con il signor Sensi o con il signor Campedelli, presidente del Chievo. Ci sono solo quelle persone (gli attuali imputati, ndr), perché solo quelle colloquiavano con i poteri del calcio. I cellulari erano intercettati 24 ore su 24: le evidenze dei fatti dicono che non e’ vero che ogni dirigente telefonava a Bergamo, a Pairetto, a Mazzino o a Lanese: le persone che hanno stabilito un rapporto con questi si chiamano Moggi, Giraudo, Foti, Lotito, Andrea Della Valle e Diego Della Valle”.

    piaccia o non piaccia……..

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here