Cagliari-Milan, Is Arenas non agibile. Nuova trasferta-casalinga per i sardi?

Siamo alle solite, a Cagliari arriva una big e come per magia lo Stadio Is Arenas diventa non agibile. Dopo la farsa iniziata da quel famoso Cagliari-Roma, persa a tavolino dai sardi continua e con l’arrivo in Sardegna del Milan, l’impianto di Quartu Sant’Elena non ottiene l’agibilità per ospitare l’evento con la partecipazione del pubblico. Una vera beffa per i tifosi rossoblu, che hanno già dovuto assistere alla sfida con la Juventus in quel di Parma, sempre per le stesse problematiche legate allo stadio quartese. La Prefettura non vuol sentire ragioni e ad ora non sussistono le condizione per poter assistere a Cagliari-Milan nel nuovo impianto di Is Arenas. Gli ostacoli sono sempre legati alla sicurezza e all’ordine pubblico, problemi che sembrano sparire quando vengono ospitate squadre di media-bassa classifica. Dove si giocherà?

Il rischio concreto è di assistere ad una nuova “trasferta casalinga” per il Cagliari, che andrebbe a giocare l’incontro contro il Milan tra le “mura amiche” del Nereo Rocco di Trieste.

Is Arenas non agibile, dove si giocherà Cagliari-Milan? © Enrico Locci/Getty Images

Is Arenas non agibile, dove si giocherà Cagliari-Milan? © Enrico Locci/Getty Images

No alle big? – In attesa di ospitare l’Inter a metà aprile, il Cagliari può confermare il trend negativo con le big nazionali. Tutto iniziò il 23 settembre con Cagliari-Roma, persa a tavolino dai sardi a causa di incomprensioni tra Prefettura e Cellino sull’agibilità dello stadio e quindi sulla vendita dei biglietti, con conseguente provocazione finale del patron rossoblu (che chiese ai possessori del ticket di presentarsi ugualmente all’impianto). Seguì gran parte del girone d’andata con la capienza ridotta ai soli abbonati fino alla sfida casalinga contro il Napoli che registrò l’apertura totale dell’Is Arenas (da segnalare l’assenza dei tifosi partenopei per evitare problemi di ordine pubblico a causa della rivalità tra le due tifoserie). Tempo neanche un mese, il Cagliari si preparava ad ospitare la Juventus, ma per una firma sull’agibilità dell’impianto sardo arrivata con due ore di ritardo a due giorni dall’incontro, la partita è stata disputata al Tardini di Parma. Successivamente arrivano due scontri salvezza (Genoa e Palermo) e lo stadio come per magia diventa completamente accessibile fino ad ieri, quando viene definito non agibile per la sfida Cagliari-Milan. Classica storia all’italiana…

Comunicato Cagliari Calcio – La reazione da parte della dirigenza rossoblu non si è fatta attendere e con un comunicato stampa ha dichiarato di aver completato i lavori richiesti, aggiungendo che se il problema sia legato all’arrivo dei tifosi ospiti, si potrebbe semplicemente vietare la trasferta alla tifoserie milanista, così come accaduto contro il Napoli e come accade in parecchi stadi italiani o come ultima ipotesi, si potrebbe aprire l’impianto per i soli abbonati (come avvenuto per gran parte del girone d’andata).

Certo, non il migliore spot per il calcio italiano, che tra scandali scommesse, stadi non a norma, errori arbitrali sta perdendo sempre più credibilità e sembra davvero ridicolo far giocare il Cagliari le partite casalinghe in trasferta solo contro le big, falsando irrimediabilmente il campionato sia delle cosiddette grandi squadre sia di una società che tra mille sforzi e tanti investimenti prova a mantenere la categoria.