Calciomercato, diamo i voti in pagella alle squadre di Serie A

2
531

calcio_e_soldiL’ultimo giorno di mercato è stato poco scoppiettante. In passato il 31 agosto era la data dei veri colpi, quelli che facevano fare il salto di qualità, quelli che facevano impennare la campagna abbonamenti. E invece è arrivato solo Grosso.
La tendenza è cambiata: oggi i club di Serie A costruiscono la squadra anticipatamente (vedi Juve e Inter) per poi cercare il possibile affare all’ultimo secondo.
Sono arrivati grandi giocatori: Diego, Eto’o, Sneijder, Lucio e Huntelaar ma sono andati via due dei protagonisti del nostro campionato: Kakà e Ibrahimovic hanno salutato la Serie A e si sono accasati all’estero, forse attratti dal fascino, forse attratti dai soldi, forse solo desiderosi di vincere in campo internazionale.
E allora proviamo a dare i voti al mercato delle 20 squadre di Serie A, chi ha operato meglio e chi invece è rimasto al palo.

  • ATALANTA 6

Ha ceduto Floccari ma il suo sostituto non è da meno: Acquafresca, in prestito dal Genoa, è il bomber su cui puntare. Tiribocchi è una garanzia, Barreto e Caserta ottimi acquisti in mezzo al campo. Peccato la cessione di Cigarini mentre il nuovo allenatore Gregucci è da verificare.

  • BARI 6

Il vero colpo è stata la riconferma di Barreto a cui si va ad aggiungere la scommessa Meggiorini. In mediana sono arrivati Donati e Almiron mentre per il reparto arretrato è stato rinnovato il prestito di Ranocchia, difensore da tenere d’occhio.

  • BOLOGNA 6

Ottimo l’acquisto del portiere Viviano, sono arrivati Raggi, Portanova, Guana e Zalayeta. Sufficienza guadagnata per la riconferma di Di Vaio, una garanzia li davanti.

  • CAGLIARI 4.5

Mercato povero con gli acquisti di Nenè, Barone (non più quello di una volta) e Dessena ma sarà difficile comunque sostituire Acquafresca e Fini. Allegri avrà tanto da lavorare.

  • CATANIA 6

Il Catania del dopo Zenga riparte da Atzori. Andujar, Bellusci, Barrientos, Pesce e Del Vecchio buoni acquisti con Ricchiuti che è chiamato a dare quel qualcosa in più alla squadra. Cessioni indolori.

  • CHIEVO 5.5

Il mercato del Chievo è rimasto fermo, il ds Sartori si è concentrato solo nelle operazioni minori ma merita la quasi sufficienza per aver trattenuto il bomber Pellissier, a lungo inseguito dal Napoli.

  • FIORENTINA 5

Corvino non è più il re del mercato: cessione di Felipe Melo a parte (da considerare l’ottima plusvalenza) in mezzo al campo è arrivato Zanetti dalla Juventus, giocatore a mezzo servizio alle prese con permanenti problemi muscolari, Marchionni se gioca con continuità può far male, De Silvestri è il terzino ideale. La cessione di Kuzmanovic è stata un errore, poteva essere lui l’erede di Felipe Melo; il voto negativo è frutto dell’immobilità a cui la società viola non ci aveva abituato.

  • GENOA 7.5

Il Grifone fa sul serio: Floccari, Crespo, Palacio, Kharja, Acquafresca (parcheggiato a Bergamo), Zapater e Amelia sono acquisti da grande squadra. Inoltre è rimasto Gasperini alla guida della squadra. Ha venduto i due migliori giocatori in rosa (Milito e Thiago Motta) ricavando 40 milioni di euro, spende, si rinforza e alla fine dei conti ha il bilancio in attivo.

  • INTER 8

Ibrahimovic è andato via? Niente paura, ci sono Eto’o, Milito, Thiago Motta e Lucio. La ciliegina sulla torta è stato l’acquisto di Sneijder, centrocampista tuttofare che ha reso la squadra di Mourinho sicuramente più forte rispetto allo scorso anno.

  • JUVENTUS 8

La Vecchia Signora vuole tornare a vincere e lo dimostrano gli acquisti di Cannavaro, Felipe Melo (forse pagato un pò troppo) e Caceres (di lui si parla un gran bene). Iaquinta, dopo le sirene russe di gennaio, doveva essere riconfermato ed è stato fatto. In extremis è arrivato il terzino della Nazionale Grosso ma permetteteci di dirvi che Diego è, senza ombra di dubbio, il vero colpo del calciomercato, pagato quasi 25 milioni ma che ne vale almeno il doppio, nulla da invidiare a Ribery, anzi.

  • LAZIO 5.5

Grande colpo con Cruz, strappato ai cugini della Roma, Zarate doveva essere riscattato e Lotito lo ha fatto ma sono i casi Pandev e Ledesma a tenere banco. Rottura totale con l’attaccante, riavvicinamento per il centrocampista (se l’argentino dovesse rimanere il voto si alzerebbe almeno alla sufficienza). Mancano i difensori centrali: almeno un colpo in questo senso andava fatto. In panchina c’è Ballardini, tecnico preparato ed emergente.

  • LIVORNO 5.5

E’ tornato il figliol prodigo Lucarelli ma è partito Diamanti, attaccante su cui si doveva puntare quest’anno per valorizzarlo ulteriormente e poi cederlo al miglior offerente; troppo affrettata la sua cessione. In difesa è arrivato dall’Inter Rivas, vedremo come se la caverà. Mozart pare essere il regista ideale.

  • MILAN 4

In una semplice parola: DISASTRO! Squadra smantellata dalle fondamenta: via i pilastri della vecchia guardia (capitan Maldini si è ritirato, Ancelotti non è stato trattenuto e il leader dello spogliatoio è stato ceduto al Real Madrid il giorno dopo della fine del campionato). Berlusconi ha voluto puntare sulla rinascita di Ronaldinho ma, a nostro parere, era meglio affidare l’eredità pesante di Kakà a Gourcuff, che nell’anno appena trascorso ha fatto vedere meraviglie non solo in Francia con il Bordeaux (ha trascinato la squadra alla conquista del titolo nazionale) ma anche in campo europeo. Nell’ultimo giorno di mercato si aspettava almeno l’acquisto di un terzino invece è arrivato un altro giovane, Doni. Il voto si è alzato con l’acquisto di Huntelaar, attaccante che i gol li ha sempre fatti, altrimenti in pagella il mercato rossonero meritava un orrendo 3. L’allenatore Leonardo è un’incognita.

  • NAPOLI 7.5

De Laurentiis ha investito tanto e il voto alto lo merita tutto. Quagliarella è l’attaccante ideale, con Lavezzi potrebbe formare una coppia esplosiva capace di far sognare un’intera città. A centrocampo è arrivato Cigarini, ottimo acquisto, Hamsik è stato trattenuto rispedendo al mittente tutte le offerte ricevute, in difesa ci si aspetta tanto da Campagnaro e in porta De Sanctis è una sicurezza.

  • PALERMO 6

Gli esperti di mercato dicono che il Palermo ha fatto degli affaroni con gli ingaggi di Bertolo e Pastore. Bisogna aspettare un pò prima di giudicarli. Questo spiega la sufficienza data. Unico errore lo scambio Amelia-Rubinho. Zenga in panchina: vedremo di che pasta è fatto l’ “Uomo Ragno”.

  • PARMA 6.5

Ghirardi ha cercato di allestire una rosa all’altezza della situazione: Galloppa darà quantità e qualità a centrocampo, Biabiany è un astro nascente ma deve dimostrare di valere tanto anche in Serie A, siamo perplessi sull’acquisto di Bojinov e Amoruso; forse andava preso un attaccante (Pozzi) capace di interscambiarsi con Paloschi. Il mezzo punto in più è per l’affare Dzemaili, ottimo metronomo di centrocampo.

  • ROMA 4.5

Stesso discorso fatto per il Milan. E’ mancato un vero progetto, da qui le dimissioni di Spalletti che dopo la cessione di un talento come Aquilani si aspettava un rinforzo che non è arrivato. Riscattato Motta, preso Guberti a parametro zero (per la verità già acquistato a gennaio) e Burdisso. Si prospetta una stagione difficile.

  • SAMPDORIA 6.5

Marotta ha lavorato bene: Cassano e Palombo sono rimasti, Mannini darà quella spinta sulla fascia che è mancata negli anni scorsi, Tissone e Semioli verranno rivitalizzati alla corte di Del Neri. Nell’ultimo giorno di mercato è stato strappato Pozzi, ottimo vice Pazzini, alla concorrenza del Parma.

  • SIENA 5.5

Mercato tra alti e bassi: Reginaldo e Paolucci affiancherano Maccarone li davanti, Fini è reduce da un campionato strepitoso a Cagliari ma le partenze di Kharja, Galloppa, Zuniga e Portanova si faranno sentire.

  • UDINESE 5.5

Dopo il caos D’Agostino (alla fine è rimasto in Friuli) hanno sostituito un cavallo di razza come Quagliarella con Corradi. Alla fine sono arrivati Sammarco e Lodi per il resto il solito mercato con possibili talenti che ancora devono mettersi in mostra.

Articolo precedenteMoggi analizza le questioni “calde” della serie A: Cassano e Spalletti e anticipa novità su Calciopoli
Articolo successivoNicoleta Lozanova: la pupa del boss mette nei guai Berbatov

2 COMMENTI

  1. MA QUALE 5.5 CHI L’ HA FATTO SI PRENDE 2 SONO ARRIVATI GIOCATORI IMPORTANTI E CI SI SALVERA ALLA FACCIA AGLI SCETTICCI COME VOI… GUFI ANDATE ************************.. BUON CAMPIONATO A TUTTI

  2. Giovane puoi esprimere la tua opinione senza offendere nessuno e sopratutto rispettando quella degli altri. Il Siena se si salverà sarà per demerito delle altre piu che per merito suo

LASCIA UN COMMENTO