Carmelo Imbriani è morto, il suo cuore ha smesso di battere

0
592
Carmelo Imbriani | foto tratta dal web

Carmeo Imbriani non ce l’ha fatta. L’ex calciatore del Napoli è morto questa mattina all’ospedale di Perugia, tra le braccia della famiglia. Accanto a lui c’erano i genitori, il fratello Giampaolo e la moglie Valeria. Il suo cuore ha smesso di battere questa all’alba, dopo un anno di sofferenza. Nell’estate del 2011 gli era stato diagnosticato il linfoma di Hodgkin, spesso associato alla leucemia. Il linfoma si è rivelato fin dai primi mesi particolarmente aggressivo. Lentamente il male ha consumato Imbriani, fino al tragico epilogo di questa mattina.

In ospedale dallo scorso agosto, l’allenatore del Benevento (squadra che guidava dal 2011) ha lottato fino all’ultimo contro una malattia che si è rivelata però più forte di qualsiasi preghiera. Nella giornata di ieri erano circolate voci della morte di Imbriani, subito smentite dal primario di ematologia dell’ospedale di Perugia. Purtroppo quella notizia falsa apparsa nella giornata di ieri, oggi ha trovato la concretezza nella realtà.

Carmelo Imbriani | foto tratta dal web
Carmelo Imbriani | foto tratta dal web

CORDOGLIO – Carmelo Imbriani non c’è più. Tra i primi ad esprimere il proprio cordoglio alla famiglia è stato il sito del Napoli Calcio, che ha dedicato poche ma toccanti righe attraverso il profilo ufficiale di Twitter: “Carmelo, hai lottato, vivrai nei nostri cuori”, con allegata una foto storica. Ma anche la gente comune, semplici tifosi, hanno voluto stare vicino alla famiglia di Carmelo Imbriani in queste ore difficili, con un semplice messaggio “Ciao Capitano, vivrai sempre nei nostri cuori”.

BREVE BIOGRAFIA – Cresciuto nella giovanili del Napoli, debutta con la Prima squadra nel match del San Paolo contro il Cagliari durante la stagione ’93-’94. Resta a Napoli fino tre anni, per poi proseguire la sua carriera agonistica tra alti e bassi (ricordiamo l’anno trascorso al Genoa nel ’99). Appende le scarpette al chiodo nel 2009, dopo tre anni al Benevento. Qui inizia la sua carriera da allenatore, prima degli Allievi, poi della Prima squadra (2011), anno in cui la malattia comincia a manifestarsi. Quella malattia che in meno di due anni si prende Imbriani e tutta la sua vita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here