Coppa Uefa: Lo Shakthar Donetsk entra nella storia

0
565

Lo Shakhtar Donetsk è la prima squadra ucraina a vincere la Coppa Uefa e sarà anche l’ultima perchè dall’anno prossimo il torneo continentale assumerà la denominazione di Europa League. Inoltre è la prima squadra ucraina a Festa Shakhtarvincere a livello internazionale battendo il Werder Brema orfano del neo acquisto della Juventus Diego in una finale piacevole da vedere.
Allo stadio “Sukru Saracoglu” di Istanbul, la casa del Fenerbahce, lo Shakthar comprime i tedeschi per tutto il primo tempo favorito anche dall’infortunio dell’ultima ora di Mertesacker, perno difensivo dei verdi di Brema. La squadra di Lucescu pero’ concretizza poco, perche’ottiene solo un gol, con Luiz Adriano al 25′, e spreca altre varie occasioni, ma a rimettere in corsa il Werder ci pensa il portiere ucraino Pyatov che con un grossolano errore su una punizione di Naldo si fa sfuggire il pallone che termina in rete. E’il 35′, e il primo tempo finisce con questo risultato.
La ripresa e’ piu’ equilibrata,solo a dieci minuti dal fischio finale, Pyatov riscatta la papera precedente, negando il gol a Pizarro. Si arriva cosi’ ai supplementari dove lo Shakhtar trova il gol della competizione con Jadson al 7′, mentre al Werder viene annullato a Pizarro, al 19′ per un dubbio fallo di quest’ultimo. Poi e’ solo festa arancio-nero per la squadra di Donetsk.

Il tabellino
Shakhtar Donetsk (4-2-3-1): Pyatov; Srna, Kucher, Chygrynskiy, Rat; Lewandowski, Fernandinho; Ilsinho (10′ pts Gai), Jadson (7′ sts Djulai), Willian; Luiz Adrian (45′ st Gladkiy). A disp. Khudzhamov, Ishchenko, Chyzhov, Moreno. All. Lucescu
Werder Brema (4-4-2): Wiese; Fritz (5′ pts Pasanen), Prodl, Naldo, Boenisch; Niemeyer (13′ st Tziolis), Frings, Baumann, Ozil; Pizarro, Rosenberg (33′ st Hunt). A disp. Vander, Tosic, Vranjes, Harnik. All. Schaaf
Arbitro: Medina Cantalejo (Spa)
Marcatori: 25′ pt Luiz Adriano (S), 35′ pt Naldo (W), 7′ pts Jadson (S)
Ammoniti: Frings (W), Srna (S), Lewandowski (S), Fritz (W), Ilsinho (S), Tziolis (W), Boenisch (W)

Albo d’Oro

55-58 – BARCELLONA
58-60 – BARCELLONA
60-61 – ROMA
61-62 – VALENCIA
62-63 – VALENCIA
63-64 – REAL SARAGOZZA
64-65 – FERENCVAROS
65-66 – BARCELLONA
66-67 – DINAMO ZAGABRIA
67-68 – LEEDS
68-69 – NEWCASTLE
69-70 – ARSENAL
70-71 – LEEDS
71-72 – TOTTENHAM
72-73 – LIVERPOOL
73-74 – FEYENOORD
74-75 – BORUSSIA MOENCHENGLADBACH
75-76 – LIVERPOOL
76-77 – JUVENTUS
77-78 – PSV EINDHOVEN
78-79 – BORUSSIA MOENCHENGLADBACH
79-80 – EINTRACHT FRANCOFORTE
80-81 – IPSWICH TOWN
81-82 – GOTEBORG
82-83 – ANDERLECHT
83-84 – TOTTENHAM
84-85 – REAL MADRID
85-86 – REAL MADRID
86-87 – GOTEBORG
87-88 – BAYER LEVERKUSEN
88-89 – NAPOLI
89-90 – JUVENTUS
90-91 – INTER
91-92 – AJAX
92-93 – JUVENTUS
93-94 – INTER
94-95 – PARMA
95-96 – BAYERN MONACO
96-97 – SCHALKE 04
97-98 – INTER
98-99 – PARMA
99-00 – GALATASARAY
00-01 – LIVERPOOL
01-02 – FEYENOORD
02-03 – PORTO
03-04 – VALENCIA
04-05 – CSKA MOSCA
05-06 – SIVIGLIA
06-07 – SIVIGLIA

 

Articolo precedenteMercato in entrata Cosenza: Vicinissimo Stefano Fiore, si tratta Pellicori
Articolo successivoLa Coppa Uefa abdica: ecco l’Europa League

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO