Juve, stadio day: le sensazioni di Buffon

0
307
Gigi Buffon ©Jeff Zelevansky/Getty Images

Un nuovo stadio, una nuova porta, due nuovi pali da difendere. Cambia lo scenario, ma non cambia la “saracinesca”, ossia il portiere: sempre lui, Gigi Buffon. L’inaugurazione del nuovo stadio, per lui, significa il terzo campo di gioco diverso da quando è alla Juventus, dal Delle Alpi, all’ Olimpico, ad oggi. Undici stagioni in bianconero, d’altronde, significano anche questo.

Gigi Buffon ©Jeff Zelevansky/Getty Images
Le sensazioni di Gigi Buffon sono intense, ancor prima di scendere in campo: “da brividi”. Per tutto ciò, Gigi Buffon rende merito alla società per questa iniziativa, per questo progetto, tanto ambizioso quanto importante, la dimostrazione che, anche in Italia, quando si ha un progetto serio, si può realizzare qualcosa di importante. Le sensazioni, dunque: calcare il campo di gioco per la prima volta, questa sera, sarà un’ emozione speciale, attendendo il primo gol bianconero nella sua nuova casa, ossia il battesimo ufficiale. Chi lo segnerà? Gigi si augura di spiazzare tutti ed essere proprio lui, con un calcio di rinvio, a realizzarlo. Alquanto improbabile, però, anche se sognare non costa niente. Più realisticamente, il suo pronostico è a favore del Capitano, Alex Del Piero, se non altro per ragioni di gerarchia, ma anche di stima e amicizia. Perchè Alex è al quarto stadio in maglia bianconera, perchè lui è “storia, tradizione, simbolo della squadra”. Infine, un elogio particolare alla società, che ha creduto fortissimamente in questo progetto, anche contro lo scetticismo di molti: “la Juve ha dimostrato di essere avanti, nel vero senso della parola”.  Avanti perchè qualunque squadra volesse intraprendere un progetto simile, dovrebbe comunque attendere sei o sette anni per il completamento dei lavori, anche se il portierone si stupisce di come l’esempio della Juve non sia stato seguito ancora da altri club italiani.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here