La Juve punta Mancini ma la tifoseria insorge

0
426

Non è la prima volta che il popolo bianconero “insorge” contro la società per delle scelte di mercato non gradite o programmi giudicati inadeguati, il caso più eclatante che sicuramente tutti ricordiamo è stato quello riguardante Dejan Stankovic, praticamente acquistato dalla Juventus l’estate di 3 anni fa ma “rimandato al mittente” per la protesta dei tifosi scoppiata a causa della sua storia importante all’Inter e per l’ “odio” che lo stesso calciatore serbo aveva manifestato nei riguardi della Vecchia Signora.

Ora la storia potrebbe ripetersi con un altro personaggio dal passato a tinte nerazzurre, Roberto Mancini. Il tecnico è la prima scelta della società per sostituire Del Neri a fine stagione e affidargli un progetto importante per far risplendere la Juventus come un tempo; nei giorni scorsi c’era stato un pour parler tra il dg bianconero Marotta e il procuratore – amico dell’allenatore De Giorgi ma il blitz a Manchester dei vertici di mercato bianconeri accompagnati da Pavel Nedved (membro del CdA della Juventus e che ha consigliato proprio lui il nome del tecnico) ha fatto capire che Madama ha ormai individuato in Mancini l’allenatore adatto all’ennesimo progetto di rilancio.
Non sarà però cosa facile perchè Mancini, che aveva rotto con alcuni leader dello spogliatoio dei Citizens (Tevez su tutti ma che è ha già le valigie pronte per trasferirsi altrove), potrebbe guadagnarsi la riconferma dello sceicco Mansour se dovesse centrare la vittoria in Fa Cup e il quarto posto in Premier League che qualificherebbe il club inglese alla prossima edizione della Champions League.

I tifosi bianconeri però non gradiscono che sia un loro nemico a guidare la loro squadra del cuore montando una vera e propria protesta sul web. Riusciranno i dirigenti questa volta a far cambiare parere ai milioni di tifosi di fede bianconera sparsi in Italia oppure si troveranno di fronte ad un nuovo caso Stankovic?
Gli altri nomi caldi per la successione di Del Neri restano i soliti con Mazzarri, Spalletti, Villas Boas e Conte sempre nel mirino.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here