Le pagelle di Barcellona – Inter 1-0

0
991

L’Inter mostra un altra faccia al camp Nou, ma in dieci tiene ugualmente a bada la voglia di riscatto del Barcellona. Le pagelle:

Josè Mourinho: 9 E’ riuscito a riportare l’Inter nel gotha del calcio ma sopratutto a tirar fuori da ogni giocatore la sua parte migliore. E’ special!

Samuel e Lucio: 9 Alt da qui non si passa. Sono un muro invalicabile per chiunque, Ibra non l’ha mai vista.

Cambiasso: 8 Annulla Messi, poi senza Thiago Motta pensa pure a infastidire Xavi. A Madrid ci torna ma con l’Inter.

Eto’o: 7,5 E’ l’esempio vivente del calcio totale. Da cannoniere navigato si mette a rincorrere il terzino sacrificandosi per tutta la partita.

Messi: 5 Il giocatore più forte al mondo si scioglie al cospetto nerazzurro. Un solo tiro verso Julio Cesar in 90′ è troppo poco per uno come lui.

Ibrahimovic: 4
In estate disse vado al Barcellona per vincere. Gli interisti lo ringrazieranno a vita e di questo passo farà perder le elezioni a Laporta. Inutile il suo acquisto.

Pedro: 6,5
E’ l’unico pronto a vender cara la pelle.

IL TABELLINO
BARCELLONA-INTER 1-0 (1-3)
Barcellona (4-3-2-1):
Valdes sv; Dani Alves 5, Piquè 6,5, Touré 5, G. Milito 5,5 (1′ st Maxwell 5); Xavi 6, Busquets 5,5 (18′ st Jeffrén 6), Keita 5, Pedro 6,5, Messi 5; Ibrahimovic 4 (17′ st Bojan). A disp.: José Pinto, Marquez, Henry, Thiago. All.: Guardiola
Inter (4-2-3-1): Julio Cesar 6,5; Maicon 6,5, Lucio 9, Samuel 9, Zanetti 7; Cambiasso 8, Thiago Motta 4,5; Eto’o 7,5b(41′ st Mariga sv), Sneijder 6 (21′ st Muntari 6), Chivu 6,5; D. Milito 7 (36′ st Cordoba sv). A disp.: Toldo, Materazzi, Arnautovic, Balotelli. All.: Mourinho
Arbitro: De Bleeckere (BEL)
Marcatori: 38′ Piqué
Ammoniti: Julio Cesar, Chivu, Muntari (I), Pedro (B)
Espulsi: 28′ T. Motta (I), per gioco violento

Articolo precedenteLe Interviste di Barcellona – Inter 1-0. Mourinho: “Il giorno più bello della mia carriera”
Articolo successivoRanking Uefa: Inter in finale ma l’Italia resta quarta. L’Amburgo decide tutto
Malato di sport e sopratutto di calcio. Mi piace curare le rubriche sui settori giovanili e presentare aspiranti campioni. Ho allevato e curato Il Pallonaro con tanta dedizione e passione e aver riscontri positivi mi riempe di gioia. La nostra è una grande famiglia affiatata, chi entra a farne parte difficilmente poi non sa farne a meno.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO