Pius Heinz, la scheda del Campione del Mondo WSOP 2011

0
1587
Pius Heinz Wsop 2011 | © Facebook Fan Page

Ancora incredulo Pius Heinz, il neo-Campione del mondo WSOP 2011 ammette di non aver ancora realizzato su quello che gli è successo. Fino a ieri il tedesco era ai più sconosciuto nel mondo del poker, oggi è su tutti i giornali sportivi del mondo. Sconosciuto o meno Heinz ha davvero convinto tutti con il suo poker al tavolo finale,infatti oltre agli elogi ricevuti dagli amici e dal mondo della stampa, arrivano anche quelli dei vip del poker, come  Phil Hellmuth, Daniel Negreanu, Jason Mercier, Chris Moorman, e tanti altri. Complimenti che naturalmente si allargano anche al secondo classificato Martin Staszko  e a tutto il tavolo finale. Pius Heinz è uno dei più giovani giocatori ad aver vinto il titolo di campione del mondo. Heinz nato a Odenfort in Colonia (Germania) il 4 maggio del 1989, ha frequentato i primi due semestri all’università per poi decidere di concentrarsi sul poker e mettersi alla prova alle WSOP di quest’anno. Gioca a poker da più o meno 4 anni per lo più a poker online, infatti prima della vittoria di ieri avevo disputato solamente un’altro torneo live sempre alle WSOP di quest’anno evento 48# classificandosi settimo e vincendo $ 83,268 Con il premio ottenuto del settimo posto Heinz decide di iscriversi al main event dal bui-inn di $ 10,000, sappiamo già come è andata finire. Heinz è il secondo player europeo a vincere il titolo mondiale, il settimo giocatore tedesco a vincere un braccialetto d’oro dele WSOP,l’unico in Germania a vincere quello del main event.

Pius Heinz Wsop 2011 | © Facebook Fan Page
Il neo-campione del mondo da ieri è diventato miliardario e alla domanda di che cosa farà con tutti quei soldi il tedesco ammette che non lo sa ma sicuramente sarà aiutare la propria famiglia e fargli dei regali. Per quanto riguarda l’heads-up che lo ha visto trionfare contro il Ceco Staszko risponde: “ in heads-up ero frustrato non vedevo carte buone ma continuavo lo stesso a fare il mio gioco, cercavo più che altro di non perdere i nervi, poi ho avuto fortuna a trovarmi sopra nella mano cruciale “ Pochi giorni prima del torneo il futuro campione del mondo rispondeva cosi ad una domanda: Quando si gioca a certi livelli, c’è tanta pressione soprattutto al tavolo finale televisivo, ogni tua mossa è sotto i riflettori, ti piace tutto questo?

R.   Si molto,questo è ciò che mi piace di più. Il tavolo finale è davvero duro,ogni giocatore che ci arriva è molto forte e io rispetto ognuno di loro.

Quando si arriva a giocare contro certi giocatori è molto entusiasmante,ovviamente anche molto più difficile,il gioco mentale è una parte fondamentale in questi tavoli.

Sicuramente bisogna avere carte buone ma la psicologia fa la gran parte del gioco.”

Ancora complimenti campione. Guarda il video del final table

Articolo precedenteVerso Polonia-Italia, subito Abate. In avanti Balotelli Pazzini
Articolo successivoDoppio Destro, the wall Bardi. Azzurrini corsari in Turchia

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO