Sorteggi Champions e Europa League, i gironi delle italiane

I sorteggi di Champions League ed Europa League hanno delineato il cammino delle sei squadre italiane, tra grandi sfide e gironi complicati le corse verso Kiev e Lione sono ufficialmente partite.

0
239
Sorteggi Champions ed Europa League | © UEFA.com

La scorsa settimana i sorteggi avvenuti a Nyon hanno delineato la strada che dovranno percorrere le sei squadre italiane per raggiungere le finali di Champions League ed Europa League.

Un risultato che ha un gusto agrodolce per le nostre compagini, da gironi di ferro ad altri decisamente abbordabili con grandi sfide all’orizzonte, andiamo però ad analizzare nel dettaglio ciò che hanno stabilito i sorteggi partendo da quelli di Champions League dove, finalmente, l’Italia torna a schierare tre squadre: Juventus, Roma e Napoli. 

Sorteggi Champions League | © UEFA.com

GRUPPO C: Chelsea, Atletico Madrid, ROMA, Qarabag

Il sorteggio non è stato certamente favorevole con la Roma. I giallorossi di Eusebio di Francesco se la dovranno vedere con due avversarie di altissimo livello: il Chelsea di Antonio Conte, e delle varie stelle Curtois, Kante, Fabregas e Morata, campione d’Inghilterra e l’Atletico Madrid dell’altra conoscenza del calcio italiano Diego Simeone.

L’altra forza del girone è il Qarabag, squadra che ha già incrociato l’Inter prima e la Fiorentina poi nelle scorse edizioni dell’Europa League. La Roma dovrà garantirsi i sei punti contro i campioni di Azerbaijan e sulla carta la complessità più grande può esser la lunga trasferta.

GRUPPO D: JUVENTUS, Barcellona, Olympiacos, Sporting Lisbona

Decisamente affascinante la sfida che il sorteggio ha posto dinanzi alla Juventus, nel gruppo dei bianconeri ci sarà il Barcellona. Una avversaria di altissimo livello ma che potrebbe accompagnare gli uomini di Allegri agli ottavi di finale visto che sulla carta ne Olympiacos ne Sporting Lisbona sembrano a livello di Juve e Barça.

Grande attenzione all’Olympiacos che già in passato ha creato qualche grattacapo ai torinesi. Nello Sporting occhio agli ex Serie A Schelotto, Doumbia ma sopratutto Bruno Fernandes. 

GRUPPO F: Shakhtar Donetsk, Manchester City, NAPOLI, Feyenoord

Partendo dalla terza fascia poteva andare peggio ma poteva certamente anche andare meglio il sorteggio per il Napoli. Promette scintille e spettacolo la sfida tra Guardiola e Sarri, certamente Man.City-Napoli sarà una partita che entusiasmerà chiunque vi assisterà. Lo Shakhtar non è più la squadra forte di qualche stagione fa ma certamente il Napoli non dovrà sottovalutare gli ucraini.

La squadra più debole del girone pare il Feyenoord ma anche gli olandesi hanno qualche carta da giocare, in particolare il numero 10 Tonny Vilhena.

Veniamo ora ai tre gruppi che vedranno le tre italiane, Milan, Atalanta e Lazio, in Europa League. 

Sorteggi Europa League | © UEFA.com

GRUPPO D: MILAN, Austria Vienna, Rijeka, Aek Atene

Il ritorno dei rossoneri in Europa sarà, sulla carta, decisamente morbido. Gli uomini di Montella dovranno temere maggiormente l’Austria Vienna. I croati del Rijeka paiono destinati ad essere la più debole del girone mentre contro l’Aek Atene il Milan si troverà contro due ex giocatori del campionato italiano, Marko Livaja e Lazaros Christodoulopoulos.

GRUPPO E: Lione, Everton, ATALANTA, Apollon Limassol 

Girone d’acciaio quello che si troverà ad affrontare l’Atalanta, i nerazzurri di mister Gasperini dovranno vedersela con due corazzate come il Lione, molto forte anche dopo le partenze di Lacazette e Tolisso, che tra l’altro ospiterà la finale, ed Everton del figliol prodigo Wayne Rooney. Decisamente alla portata dei bergamaschi la squadra cipriota dell’Apollon Limassol.

GRUPPO K: LAZIO, Nizza, Zulte Waregem, Vitesse

Eliminato dal Napoli nei preliminari di Champions, il Nizza di Mario Balotelli e Wesley Sneijder finisce nel girone di Europa League della Lazio. Un gradino sotto ai biancocelesti, ma sempre in linea teorica, troviamo i belgi dello Zulte Waregem la cui porta è difesa dall’italiano Leali, e gli olandesi del Vitesse che hanno in rose due insidiose punte del calibro di Tim Matavz e Luc Castaignos.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here