Zamparini silura Pioli, Palermo a Mangia

0
366

Tanto tuonò che piovve. A Palermo le avvisaglie di una rivoluzione si erano avute sin dall’inizio della nuova stagione, Pioli chiamato per far dimenticare ai tifosi l’amato Delio Rossi e guidare il nuovo progetto rosanero aveva da subito dimostrato di non aver un carattere cosi forte da contrastare l’ira del presidente Zamparini.

©Paolo Bruno/Getty Images
L’eliminazione dall’Europa League poi ha dato il colpo di grazie e in casa rosanero si è continuato a guardare avanti in attesa di un evento propizio. Lo sciopero della serie A sembrava aver dato una nuova chance all’ex tecnico clivense, ieri sera invece a conclusione del mercato è arrivato l’annuncio ufficiale che ha colto di sorpresa l’allenatore “Non ho alcuna voglia di parlare in questo momento. – ha detto Pioli a Mediagol – Mi è stato comunicato questo provvedimento e ne ho presso atto. La notizia dell’esonero mi è stata comunicata soltanto da pochissimo tempo. Io ovviamente sono ancora a Palermo dove comunque ho intenzione di rimanerci per tutto l’anno. Non credo di muovermi dalla città”. La squadra è stata affidata a Devis Mangia arrivato in estate dal Varese insieme a Sogliano per guidare la compagine Primavera ma come lo stesso Zamparini ha confessato all’Ansa il sogno resta sempre quello di convincere Delio Rossi a tornare. Per l’allenatore dei terribili ragazzi del Varese Primavera c’è però una chance per restare come guida tecnica: battere l’Inter nel posticipo della “prima” giornata. La squadra fortemente rinnovata dovrà adesso ritrovare nuovi stimoli e convinzioni facendo tornare a sognare il popolo rosanero. Pare che in conclusione di mercato ci sia stato anche un diverbio tra Sogliano e Zamparini con il ds che in un primo momento sembrava volesse rassegnare le dimissioni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here